Cerca

Uccise per l'eredità i genitori

Pietro Maso è in semilibertà

Uccise per l'eredità i genitori
 Era la notte tra il 17 e il 18 aprile 1991 quando Pietro Maso, 19 anni, residente a Montecchia di Crosara (Verona) uccise entrambi i genitori. Ora Pietro Maso è in semilibertà. Lo ha stabilito il tribunale di sorveglianza di Milano, che ha ammesso al regime di semilibertà l'omicida di Crosara (Verona) condannato a trent'anni per aver ammazzato Antonio Maso (56 anni) e Rosa Tessari (48 anni) per impradonirsi dell'eredità. Maso è in carcere a Opera dal 29 febbraio 1992. In questi sedici anni e nezzo Maso ha ottenuto due permessi premio, durante i quali è uscito dal carcere: il primo nell'ottobre 2006, il secondo a Pasqua dello scorso anno. Allora rimase fuori tre giorni. All'epoca ha fatto scalpore la perizia affidata dall'accusa al prof. Vittorino Andreoli, che oltre a escludere che i tre fossero incapaci di intendere e volere, ha puntato il dito contro la società in cui il duplice delitto si inseriva. In appello Maso produce una lettera di pentimento; è l'inizio di un ravvedimento che è proseguito in silenzio in carcere, dove ha tenuto un comportamento ineccepibile (impegnandosi anche come attore in un musical, con altri detenuti).

Il caso fece discutere moltissimo,  anche per la terribile modalità del delitto. Il ragazzo insieme a tre amici si appostò infatti in cucina e quando il padre e la madre tornarono da una riunione in parrocchia li colpì con una spranga. Un solo movente, l'eredità. Il gruppo aveva progettato l'omicidio da tempo e indossava tute da lavoro e maschere di carnevale. In precedenza Maso e i suoi complici avevano già provato a uccidere i genitori del giovane, prima con un ordigno rudimentale fatto con due bombole di gas e poi tentando di investire mamma Rosa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • superfilip

    15 Ottobre 2008 - 12:12

    Io lo terrei in carcere a vita e non solo 24 anni. Permessi di uscita ma neanche a parlarne. E in prigione in Afganistan o simili, espiare con la massima sofferenza. Me ne frego del recupero sociale. Se avesse ammazzato un micio a bastonate il prof Andreoli non sarebbe così condiscendente, ma per aver ammazzato i genitori!!!...

    Report

    Rispondi

  • rompiba

    14 Ottobre 2008 - 21:09

    signor pascal50 le posso garantire che ho conosciuto e continuo a conoscere nelle scuole vicentine gente che farebbe vomitare non solo pietro maso ma molto peggiori di lui e nessuno muove un dito,ho subito diverse aggressioni fisiche, verbali non si contano, un tentativo di avvelenamento, e uno riuscito, non so i danni che mi ha provocato il collega,distruzione del testicolo sinistro con un calcio a tradimento dal medesimo collega ,testa fracassata a pugni da uno studente nella scuola dove prestavo servizio precedentemente,risultato di quest'ultima aggressione condanna per calunnia nei mie confronti,denuncia con referto medico del pronto soccorso e porei continuare saluti

    Report

    Rispondi

  • Pascal50

    14 Ottobre 2008 - 19:07

    Questo è un assassino premeditato.E' il nostro bel paese!!... è un paese di pulcinella!!.Dov'è il rispetto e la sicurezza della pena!!.Per quale motivo quest'essere disumano deve uscire dalla galera.Ha ammazzato i suo Genitori nel modo più feroce e con la massima premeditazione.Non ha nessun diritto di uscire in libertà!!.Cazzo che paese di merda!!

    Report

    Rispondi

blog