Cerca

Garante della privacy, stop a telecamera selvaggia

L'Autorità vara una serie di norme a tutela della vita privata dei cittadini. I sistemi di ripresa andranno segnalati con appositi cartelli

Garante della privacy, stop a telecamera selvaggia
La giungla di telecamere che ci riprende in ogni luogo, dev'essere regolata come si deve: i cittadini hanno diritto alla tutela della vita privata. Lo ha stabilito il garante della privacy. Sistemi integrati di videosorveglianza solo nel rispetto di specifiche garanzie per la libertà delle persone; appositi cartelli per segnalare la presenza di telecamere collegate con le sale operative delle forze di polizia; obbligo di sottoporre alla verifica del Garante della privacy, prima della loro attivazione, i sistemi che presentino rischi per i diritti e le libertà fondamentali delle persone, come i sistemi tecnologicamente avanzati o "intelligenti". Queste, in sostanza, le nuove regole varate dall'Autorità Garante per la protezione dei dati personali per installare telecamere e sistemi di videosorveglianza da parte di soggetti pubblici o privati. Il periodo per adeguarsi è stato fissato, a seconda degli adempimenti, da un minimo di sei mesi ad un massimo di un anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    27 Aprile 2010 - 19:07

    Mi piacerebbe conoscere questi gaglioffi che hanno timore di farsi riconoscere. Domando: sono brutti, fanno cose che potrebbero ledergli la vita privata , rubano oppure si comportano scorrettamente ? - A me personalmente non me ne frega niente perchè non ho nulla da temere da nessuno. Allora, che facciamo diamo ancora maggior spazio alla delinquenza di fare come gli pare e piace ? - Ai grossi papaveri della politica non gli interessa anche perchè essi girano con grandi scorte e macchine blindate. Ma la smettessero e si comportassero come persone semplici e civili..

    Report

    Rispondi

blog