Cerca

Sindaco arrestato per detenzione di armi e reperti archeologici

Adesso è in carcere

Sindaco arrestato per detenzione di armi e reperti archeologici
Una doppietta calibro 16, un fucile calibro 28 e un revolver calibro 40. Tutti privi di matricola. E non è finita: 18 cartucce calibro 38 special, un passamontagna e ben 57 metri di miccia a lenta combustione. Insomma un vero e proprio arsenale che ha messo nei guai Francesco Bussu, 52 anni, primo cittadino di Lodine in provicnia di Nuoro.

L'uomo è accusato di detenzione illegale di arma clandestina e di reperti archeologici. Si perché nella sua abitazione sono state trovate anche  9 monete di epoca romana e una decina di frammenti di statue di periodo nuragico. I militari hanno rinvenuto anche un metal detector. Per lui si son aperte le porte del carcere: il sindaco è stato arrestato dai carabinieri di Ottana dopo una lunga serie di perquisizioni nel suo paese e a Gavoi.

Nel dicembre 2008 Bussu, che è anche un insegnante, era stato aggredito ad Onifai da quattro uomini davanti alla moglie e alla figlia di 8 anni. In seguito a quei fatti fu ricoverato in ospedale per fratture costali scomposte. Le indagini portarono all’arresto di 3 persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog