Cerca

Messa in suffragio del Duce

Polemica a Vicenza per le celebrazioni in occasione del 65esimo anniversario della morte di Mussolini

Messa in suffragio del Duce
Scoppia la polemica a Vicenza per una messa in suffragio di Benito Mussolini e un necrologio di dubbia liceità. Non tutti hanno gradito, anzi, partiti e sindacati, ma anche comuni cittadini lanciano accuse di apologia del fascismo contro i responsabili.

La questione si ripresenta puntuale, come ogni anno, in data 28 aprile. Ieri, prima è apparso sul giornale della città un piccolo necrologio pubblicato da "Continuità ideale", un gruppo capeggiato dal presidente provinciale, Luigi Tosin: "Nel 65mo anniversario della sua morte, onore al Duce d’Italia cavalier Benito Mussolini...". Poi, in serata, è stata celebrata la messa da don Alessio Graziani alla Parrocchia dei servi.

La polemica monta con reazioni sdegnate del Pd veneto che ha definito la vicenda "odiosa apologia di reato", e con la replica della Cgil che pubblica un necrologio sullo stesso giornale cittadino: "Nel 65mo anniversario della Liberazione, la Cgil onora i partigiani...".

Nella bufera finisce anche il parroco che respinge ogni critica, assicurando che "in chiesa non c'erano simboli politici, si trattava di una messa in suffragio e non in onore di qualcuno. La Chiesa e la pietà cristiana non rifiutano una preghiera a nessuno". Alla funzione per il Duce c'erano meno di cento persone.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • digimi

    30 Aprile 2010 - 21:09

    E voi, comunisti di m..a... troverete pane per le vostre dentiere.

    Report

    Rispondi

  • linhof

    30 Aprile 2010 - 18:06

    Ai comuniscatti fa ancora paura la buonanima di Mussolini, allora urge rommentargli che il Duce nasce socialista, vive da socialista e muore socialista. Il fascismo è parente molto stretto del comunismo, entrambi hanno le stesse radici nel socialismo ma pensateci bene perchè a voi comunistacci neppure i socialisti, che tra di loro si chiamano compagni, vi sono andati bene. Cari comunistacci ma allora non può essete che i difettati siete voi? siete inconcludenti barcaioli e salottieri, al governo aumentate le tasse, all'opposizione fate sciopero perchè sono troppe, al governo ve ne fottete dell'operaio, tre giorni prima del voto andate davanti alle fabbriche, siete tutti proletari ma vivete in mega ville, sapete cosa vi dico? Onore a Mussolini che ha pagato con la vita per le sue idee (giuste o sbagliate) voi le idee non sapete neppure cosa sono......ma le barche si!

    Report

    Rispondi

  • romsea

    30 Aprile 2010 - 16:04

    ma benito mussolini non e'una persona come altre, ma come sempre sia i signori sindacalisti e comunisti e altre france sempre di sinistra rompono i coglioni con le loro sempre uguali frasi di circostanza non si puo' dire messa perche' era capo del fascismo, e un reato,ma quale reato dire una messa per un morto ammazzato dai comunisti senza nessun processo,e parlono di democrazia.le persone che non la pensano allo stesso modo,e sono contrarie a far dire messa a un anima vi sono 10 100 1000 che' sono a favore se l'anno fatto.sia i politici comunisti e sindacalisti si studiano cosa vul dire democrazia.la messa x benito mussolini come uomo come tutti noi e stato giusto farglierla per la sua celebrazione.

    Report

    Rispondi

  • semovente

    30 Aprile 2010 - 15:03

    VERGOGNATEVI. NON AVETE RISPETTO NEMMENO PER I MORTI.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog