Cerca

Vent'anni fa uccise la famiglia

Ora Carretta ottiene l'eredità

Vent'anni fa uccise la famiglia
 Vent'anni dopo aver massacrato la famiglia, Ferdinando Carretta entra ufficialmente in possesso dell'eredità dei genitori. Ora l'uomo è proprietario della casa di Parma dove uccise padre, madre e fratello e di 38mila euro, per un valore totale di 350mila euro. Ieri c'è stata la firma alla presenza del notaio Carlo Maria Canali del documento che lo reintegra della proprietà dell'appartamento. Da sei anni Carretta era in causa con le zie Paola Carretta, Adriana e Carla Chezzi.
"Fino alla firma ho avuto molti dubbi. Ci ho ripensato più volte, perchè so che il pericolo è quello che sia sempre collegato a ciò che è accaduto. Ma poi ho deciso di mantenere inalterato l'accordo, perchè già da alcuni mesi avevo raggiunto un'intesa con mia zia Paola: a me la casa di via Rimini, a lei quella di via Campioni", ha spiegato l'uomo durante un'intervista rilasciata alla 'Gazzetta di Parma'. Ma Ferdinando non vivrà nella casa paterna: "Non me la sento", ha dichiarato. "Per ora, visto che l'appartamento è affittato, riscuoterò i canoni. Poi è probabile che lo venda. Comunque, al di là della casa di via Rimini, non ho intenzione di tornare a vivere a Parma. Penso di ricominciare a Forlì. Da più di due anni sono in comunità, ma al mattino lavoro come impiegato in una cooperativa del centro della città. Anche grazie agli appoggi della comunità, spero di poter trovare un lavoro a tempo pieno". E già pensa al futuro, con una moglie e dei figli. E la totale libertà: "Desidero ottenere la libertà definitiva in tempi brevi. D'altra parte, prima della comunità, avevo già trascorso sette anni e mezzo in un ospedale psichiatrico giudiziario. E non ho mai dato problemi. Ho fatto il mio percorso di riabilitazione, come era giusto che fosse e ora mi sento pronto ad affrontare la vita".
Il suo tarlo più grande p la tragedia di cui è stato protagonista: "Continuo a pensare al fatto che la tragedia poteva essere evitata. Se io mi fossi curato, quello che è successo non sarebbe mai accaduto. È un pensiero costante. Ma c'è anche un altro peso enorme con cui fare i conti: il fatto che i corpo di mio padre e mio fratello non siano stati trovati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuciaRosi

    15 Ottobre 2008 - 17:05

    x click sono d'accordo con te. A cosa ci porterà questo garantismo? Si fa presto a dire "ero malato". Ed ora questo signorino si godrà indisturbato l'eredità!!!!!

    Report

    Rispondi

  • Shift

    15 Ottobre 2008 - 16:04

    Ormai siamo all'assurdo nella giustizia italiana. Oltre a liberarli tranquillamente dopo pochi anni adesso agli assassini gli lasciano pure le spoglie degli assassinati. Tutto cio' non solo e' un cattivo esempio per coloro che intendono fare altrettanto, ma deprime il cittadino normale che vede disconosciuta e disprezzata perfino il suo comportamento di cittadino esemplare, oltre che sentirsi attentato dalla stessa giustizia alla sua sicurezza personale, dall'immissione in liberta' di simili individui.Cosa diavolo aspettano a modificare del tutto il nostro sistema giudiziario?

    Report

    Rispondi

blog