Cerca

Omicidio Sanaa, rito abbreviato per il padre

L'uomo marocchino non accettava la vita "occidentale" della figlia

Omicidio Sanaa, rito abbreviato per il padre

El Ketaoui Dafani, il cuoco marocchino che il 15 settembre 2009 uccise la figlia Sanaa, condiderata "peccatrice" perché conviveva con un ragazzo italiano, sarà giudicato con rito abbreviato semplice. Lo ha deciso il Gup del tribunale di Pordenone, Patrizia Botteri dopo circa un’ora di camera di consiglio. La prima udienza è fissata al 14 giugno.

Il giudice ha inoltre accolto cinque delle sei richieste di costituzione di parte civile, presentate dal Ministero delle Pari Opportunità, dalla Regione Friuli Venezia Giulia, dalla Provincia di Pordenone, dall’Acmid - Associazione delle donne marocchine, e dal fidanzato della vittima, Massimo De Biasio, presente all’udienza, e che fu ferito dall’uomo nel tentativo di difendere l’amata. Rigettata soltanto la costituzione avanzata dall’Adiconsum.

«Siamo molto soddisfatte del fatto che il giudice ci abbia accettato come parte civile», dichiara Souad Sbai, deputata del PdL e presidente di Acmid, perché «si tratta della prima volta che le donne di cultura arabo-musulmana riescono a costituirsi parte civile in un processo che coinvolge l’omicidio di una giovane colpevole di vivere in modo occidentale. Attendiamo ora con fiducia il lavoro della magistratura, convinte che verrà fatta giustizia». Presente anche la madre di Sanaa, Dafna, assieme alle due figlie più piccole, accompagnata dall’imam di Pordenone, Mohamed Ouadi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maialina2

    04 Maggio 2010 - 18:06

    cricifiggetelo a testa in giù.

    Report

    Rispondi

  • sagetebe

    04 Maggio 2010 - 16:04

    L ergastolo ci vorrebbe ma se invece dobbiamo rispettare la sua cultura prendiamogli la vita che lui ha tolto. Ad ogni modo bisogna dare un chiaro messaggio a questi fanatici devono smetterla di risolvere tutti i loro problemi versando il sangue di innocenti. Se non voleva che la figlia imparasse a vivere all occidentale doveva restarsene in Marocco o almeno lasciarvi la figlia.

    Report

    Rispondi

  • semovente

    04 Maggio 2010 - 15:03

    IN GALERA PER TUTTA LA VITA.

    Report

    Rispondi

blog