Cerca

Picchia i figli perché troppo occidentali

Maghrebino 46enne arrestato ad Andria per violenze domestiche

Picchia i figli perché troppo occidentali
La loro colpa era imperdonabile per il padre: dopo tanti anni in Italia, i due figli tenevano stili di vita troppo occidentali.
Per questo motivo un cittadino maghrebino di 46 anni residente ad Andria ha iniziato a picchiare quotidianamente i due figli (una ragazza di 20anni e un ragazzo di 16), minacciandoli anche di morte e prendendo di mira anche la madre, accorsa in aiuto dei due figli.
E l'ultimo episodio di violenza casalinga è avvenuto ieri sera ad Andria, dove i militari del Nucleo Radiomobile, intervenendo in seguito a una richiesta telefonica, hanno arrestato l'uomo in fragranza di reato e lo hanno arrestato con le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Lo scenario che i poliziotti si sono trovati di fronte una volta giunti sul posto non lasciava troppi dubbi. Urla già prima di entrare nell'appartemento, devastazione totale in casa, con suppellettili, piatti e bicchieri in frantumi e l'uomo che stava malmenando la figlia con schiaffi e calci mentre la teneva ferma per i capelli.
Una volta arrestato l'uomo, la moglie e madre della ragazza è potuta così uscire dalla camera da letto dove si era rifugiata per paura delle violenze del marito. Ai militari ha raccontato che quei comportamenti si verificavano quotidianamente, soprattutto a causa del comportamento troppo occidentale dei due figli.
La ragazza, infatti, ha riferito di essere stata costretta a interrompere la relazione con un italiano in quanto non gradita. Suo fratello, invece, vittima di continui maltrattamenti poichè indossava un orecchino, era scappato di casa. Per le due donne lesioni guaribili in una settimana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sorciverdi

    07 Maggio 2010 - 14:02

    Caro fini, per l'ennesima volta ci troviamo di fronte a prove incontrovertibili dell'impossibilità di legare la cittadinanza a conoscenza della lingua e lavoro. Questo ennesimo caso dimostra che non si diventa Italiani neppure vivendo in Italia per anni e, magari, guardando il calcio in TV. No, non basta. Per questo, caro fini, ti reputo un pagliaccio quando insisti per concedere la cittadinanza Italiana a gente che neppure sai chi sono. Ma tanto a te cosa importa? ...tu hai la scorta. Vuoi un consiglio? VAI A LAVORARE E SMETTILA DI ROMPERCI I COGLIONI!

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    07 Maggio 2010 - 10:10

    VA ESPULSO.....MA SOLO LUI ...CHE SE NE TORNI AL SUO PAESE!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    06 Maggio 2010 - 16:04

    se vi fosse bisogno di altre dimostrazioni che fini con capisce un tubo, eccone un' altra

    Report

    Rispondi

  • Dott_destino

    06 Maggio 2010 - 15:03

    non quello nostro anche se a volte si fa presto a confonderlo. Vengono in Italia pretendono tutti i diritti se non più dei nostri e poi che fanno? Si schifano del nostro essere tanto da picchiare a morte i propri figli perchè si permettono di somigliarici. Gente così non ha razza, sono malati ed andrebbero richiusi una volta per sempre.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti