Cerca

Letame davanti alla sede del Pdl

Azione rivendicata dal movimento Dada Spalman: "Per concimare le intelligenze e smascherare le ipocrisie"

15
Letame davanti alla sede del Pdl
Carico di letame in Via dell'Umiltà. Quindici chili di sterco sono stati depositati davanti alla sede del Pdl e "decorati" con un vaso da notte e bandierine del partito e del centro sociale Casa Pound durante un blitz in pieno giorno di una ventina di estremisti di sinistra.

La rivendicazione - "Un bidone di letame davanti alla sede del Pdl per concimare le intelligenze e smascherare le ipocrisie. Un'azione dadaista metropolitana per risignificare le strade". Così hanno rivendicato e giustificato il loro gesto i membri di Dada Spalman. E ancora: "Via dell'Umiltà. Paradossi della toponomastica. Il partito unico della libertà. Paradossi della politica. Adesso anche Scajola e Verdini (mancavano solo loro). Il letame è ovunque. Il Paese è strozzato dalla crisi e il governo fa affari privati".

Nel comunicato si legge: "Domani 7 maggio nel Pdl nasce una nuova corrente: Cacapound. Una corrente neofascista, che non aderisce al Pdl, ma che per il Pdl lavora e dal Pdl è protetta e finanziata. Così la manifestazione di campagna elettorale per le elezioni universitarie, più che alla marcia su Roma assomiglia alla farsa berlusconiana. Su cosa giureranno in coro i fasciocandidati? Sulla riforma Gelmini? Questi gruppuscoli (blocco intestinale... come si chiama?) tornano infatti molto utili nelle scuole e nelle università nel momento in cui il governo sta approvando la riforma Gelmini. Che strana coincidenza. Giovani soldatini che aggrediscono gli studenti e dialogano con il governo. Ecco a voi 'La giovinezza del poterè. Gli antisistema si fanno sistema. Ma che si dice nel Pdl? Siamo di fronte alla fascistizzazione del Pdl? Prima Mussolini e Santanché, poi Ciarrapico e Dell'Utri. Che statura morale! E poi lo spione Storace, Piso e Malcotti. Alemanno e Polverini. Poi ci si mettono anche i finiani (allora forse non sono antifascisti?) Che interlocutori qualificati per i nostalgici di Salò e del Duce. Nasce una corrente trasversale? Popolo Del Letame... ribellati".

Il precedente
- Il 3 ottobre del 2003 i «Disobbedienti» dei centri sociali e del movimento per la casa - tra i quali l'allora consigliere comunale di Roma Nunzio D'Erme, delegato del sindaco Veltroni per la «partecipazione democratica e il bilancio partecipato» ed eletto come indipendente nelle liste di Prc - versarono tre bidoni di letame, due da cinquanta litri e uno da trenta davanti a Palazzo Grazioli, residenza del premier Berlusconi. Il gesto avvenne alla vigilia della conferenza intergovernativa di Roma.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    09 Maggio 2010 - 12:12

    è proprio l'essenza dei componenti di questi centri, persone che contestano alcuni ceti da cui poi vanno ad elemosinare spiccioli o sigarette.

    Report

    Rispondi

  • moicano

    08 Maggio 2010 - 15:03

    Questi signori propongono il letame per concimare le intelligenze. Ne discende che questo è il metodo che usano per accrescere le loro, e il risultato è evidente!

    Report

    Rispondi

  • delneo

    08 Maggio 2010 - 10:10

    scusami non mi ricordavo piu' che eri proprio tu,quello a cui avevo risposto.....bravo!!! devo ammettere che le tue si' che sono riflessioni profonde!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media