Cerca

Operai frustrati stracciano le tessere del sindacato

Forte protesta dei lavoratori CGIL della TdT di Livorno. 76 le tessere rese

Operai frustrati stracciano le tessere del sindacato
Frustrati, delusi e stanchi, tanto da prendere quella tessera su cui avevano investito soldi e speranze e riconsegnarla al sindacato.
Questa la forte presa di posizione di 76 operai della Tdt di Livorno (Terminal Darsenal Toscana) che, in seguito alla mancanza di risultati e all'immobilismo della CGIL nella trattativa con l'azienda, hanno deciso di dare una violenta scossa al sindacato dimostrando con i fatti il loro disappunto.
La vicenda nasce da lontano, ossia dagli scioperi di marzo che hanno portato a incrociare le braccia centinaia di operai.
Motivo delle rimostranze il rinnovo di tredici contratti in scadenza, il pagamento del premio di produzione del 2009 e il calcolo degli incentivi per la produttività del 2010, oltre alle schermaglie sulla conferma del direttore del personale del Terminal, finito al centro delle critiche degli operai.
Però ad aprile sembra arrivare uno spiraglio di luce. Il sindacato dei lavoratori invita i suoi tesserati a tornare a lavorare: le trattative sono avviate e sono nelle loro solide mani.
Da allora, tuttavia, nessun segnale, nessuna novità e pochi miglioramenti; anzi, gli accordi presi ad Amburgo dai sindacati sono stati violati dall'azienda, in quanto il discusso direttore del personale del terminal di Livorno dovrebbe rimanere al suo posto.
E' l'ultima goccia che fa traboccare il vaso: oggi gli operai hanno deciso di manifestare, non più contro l'azienda, bensì contro il loro sindacato Filt CGIL, reo di una linea soft, per non dire poco limpida, nei confronti della TdT. Del resto a essere alquanto scomoda e imbarazzante è la posizione del segretario provinciale Filt Maurizio Colombai, attualmente sindacalista ma anche consigliere della Compagnia che è socia di Tdt. Forse domani Colombai chiarirà la sua posizione, sciogliendo un conflitto d'interessi che è palese e fastidioso.

Scossone arrivato forte e chiaro a destinazione. Del resto uno strappo del genere nella "rossa" toscana non poteva passare inosservato, nè in chiave mediatica nè tantomeno negli equilibri delle associazioni di categoria, le quali si sono subito impegnate per rispondere con un segnale ai lavoratori altrettanto forte.
In tal senso, infatti, potrebbe essere decisiva per la credibilità del sindacato l'assemblea di giovedì con i vertici dell'azienda: se il meeting dovesse scadere in un tete a tete incapace di sciogliere le riserve sulle richieste dei lavoratori, allora non è escluso che i lavoratori tornino a incrociare le braccia. Questa volta, però, anche nei confronti della CGIL e della UIL.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    14 Settembre 2011 - 18:06

    La stessa cosa l'ho fatta anch'io tanti anni fa e non me ne sono mai pentito. Lasciate che la Camusso mandi in malora l'Italia , ma non ne siate complici. Considerata la situazione mondiale agire in questo modo è da pazzi incoscienti.

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    12 Maggio 2010 - 11:11

    FINALMENTE HANNO CAPITO ..CHE LI PRENDEVANO PER I FONDELLI DA UNA VITA........................

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    12 Maggio 2010 - 09:09

    In questi ultimi 2 decenni non è più il sindacato che risolve i problemi della gente che vuole lavorare. Oggi al sindacato inteerssa solamente la tassa di iscrizione e dopo tutti si arrangino. Questo è diventato il sindacato. Siamo onesti nelle cose: i problemi si risolvono mettendosi al tavolo con le aziende, credetemi le aziende hanno interesse ad avere collaboratori seri e pagarli seriamente che avere persone che creano solamente problemi. Oggi purtroppo la politica sindacale è semplice tutti devono avere, chi fa il suo dovere e lavora e chi non lavora, e questo non è corretto. E' giusto dare a chi si comporta coerentemente è giusto dare un calcio nelle palle e mandarlo a casa il menefreghista. Questa divisione il sindacato non l'ha capito. Se un artigiano va ad eseguire un lavoro in una casa di una persona e quel lavoro si eseguiva in 2 oree lui ne mette 8, è giusto pagarlo per 8 ore? Ritorniamo alla realtà, e togliamo quella mentalità cretina che chi ha una azienda è uno sfruttare

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    11 Maggio 2010 - 22:10

    Chi ha esperienza in merito,sa che il sindacato durante il mese di Dicembre,col bene placido aziendale,recupererà tantissime tessere...stracciate,con le buone o....dicendo a quattrocchi:"Non difendiamo i cani sciolti;oppure:tu pretendi di prendere il treno senza biglietto?"Chi si sente di smentirmi?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog