Cerca

Dietrofront di Santoro

Il Masaniello della tv rompe le trattative con la Rai. "Colpa delle continue fughe di notizie denigratorie". Alla fine potrebbe restare come dipendente e nulla sarebbe cambiato

Dietrofront di Santoro
La telenovela Santoro, forse, sta per finire. E paradossalmente nulla sarà cambiato. Il conduttore di Annozero, nonostante l''attestato di stima rilasciato ieri mattina dal presidente della Rai, Paolo Garimberti, ha rotto le trattative con la Rai. "Troppe fughe di notizie denigratorie", ha accusato il Masaniello della libera informazione. Alla fine, non è da escludere, che il conduttore di Annozero rimarrà in viale Mazzini come dipendente e nulla sarà cambiato.

Garimberti  - "Voglio che resti un volto della Rai, in un modo o nell'altro. Per me sei una grande risorsa della Rai. Se tu decidi di continuare, io ti aiuterò e difenderò il tuo diritto a farlo", ha detto questa mattina il presidente dell'azienda di viale Mazzini. Santoro, da giorni, stava trattando sulle condizioni economiche per realizzare come collaboratore esterno una serie di docu fiction. Il conduttore vuole realizzarle da solo, con una sua equipe di professionisti, e consegnarle chiavi in mano alla Rai. Al contrario, la Rai sta facendo pressione perché materiale e personale vengano forniti dall'azienda, una soluzione che consentirebbe un maggior risparmio.

Santoro rompe - L'ex conduttore di Annozero ha deciso di rompere le trattative. Colpa della fuga di notizie sui giornali, che a suo dire lo hanno denigrato. "La situazione che si è creata rende privo di senso immaginare cambiamenti sullo stato delle cose - ha detto Santoro - Le continue fughe di notizie hanno violato l'impegno di riservatezza indispensabile per un possibile accordo con la Rai favorendo interpretazioni fantasiose lesive della mia immagine. Trasmissioni televisive della Rai hanno potuto entrare nel merito di una trattativa in corso d’opera con un profilo denigratorio dei miei comportamenti di professionista. Non era mai avvenuto in precedenza. In questa situazione non ha alcun senso continuare a immaginare cambiamenti il cui scopo fondamentale era soltanto porre fine ad una vertenza giudiziaria e progettare nuovi format nell’interesse della Rai e del pubblico".

E' di una settimana fa la notizia che Santoro ha firmato un accordo con la Rai per rescindere il suo rapporto di lavoro dipendente. In cambio, il conduttore avrebbe voluto continuare a collaborare come esterno e fornire alla Rai una serie di docu fiction.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • COCCINELLA

    27 Maggio 2010 - 15:03

    DEVONO CACCIARLO SENZA UN EURO...............A CASA..VIA..IL FALSO COMUNISTA CHE SE LA RIDE ALLA FACCIA DEI POVERI OPERAI!O DELLE SEMPLICI PERSONE BUGIARDO...BUGIARDO

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    27 Maggio 2010 - 12:12

    DOVREBBE SPARIRE DALLA FACCIA DELLA TERRA E SPERO GLI RENDANO LA VITA IMPOSSIBILE................... FINTO COMUNISTA...è SOLO UN'OPPORTUNISTA

    Report

    Rispondi

  • uffa

    27 Maggio 2010 - 10:10

    Egregio micael44, non ritengo corretto definirmi di parte, certo è che in questo giornale chi pensa che Berlusconi sia un bel furbetto viene considerato di sinistra, ma una persona sicuramente cortese ma anche intelligente come lei, sa benissimo che si possono esprimere opinioni su qualcuno senza per questo strizzare l'occhiolino all'altra parte. Per chiarezza, Santoro non mi da da mangiare e le mie opinioni le creo leggendo anche Libero. Apprezzo molto i suoi servizi e possiamo affermare probabilmente che nei vari palinsesti televisivi non esistono trasmissioni con lo stesso livello di approfondimento.

    Report

    Rispondi

  • porcelinux

    27 Maggio 2010 - 10:10

    io vorrei piu` programmi cosi` , destra , sinistra , sotto, a mepiace il livello di approfondimento che raggiunge la sua trasmissione. Racconta fatti e da voce a tante persone. Ad annozero riesco ad ascoltare esponenti del governo senza che gridino e si picchino, perche il livello e` sempre alto. ricordo la puntata con Tremonti, stupenda, riuscii a capire cosa pensava il ministro, che sara` di destra o di sinistra ma e` sempre un ministro, lo rispetto e lo ascolto. A me degli schieramenti non importa, io ascolto quello che diconono le persone e basta. Se sono di parte me ne accorgo dasolo e ho i miei filtri. io credo che nel nostro paese Tutti voglia fare del bene, ma il difficile e` mettersi daccordo, e un programma cosi` di alto livello permette a tutti di farlo. Quando non sara` + cosi` cambiero` canale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog