Cerca

Ancora fermi ai box gli operai Fiat di Mirafiori

Nuova cassa integrazione per 5000 lavoratori tra giugno e luglio. La crisi rallenta il potenziamento dell'impianto

Ancora fermi ai box gli operai Fiat di Mirafiori
Non è bastato il piano aziendale promosso per il quinquiennio 2010-2014. Sull'agenda dei dirigenti della Fiat le parole cassa integrazione rimangono sempre presenti. Quando è ormai agli sgoccioli il provvedimento che ha riguardato 5000 lavoratori tra il mese di aprile e maggio (con il blocco di tutte le produzioni dal 26 aprile al 20 maggio), lo stabilimento torinese di Mirafiori, infatti, tornerà a spegnere i propri macchinari a cavallo tra giugno e luglio.

Secondo le prime stime sindacali, il provvedimento riguarderà 5 mila operai e 450 impiegati. La cassa integrazione sarà estesa dal 21 giugno per i lavoratori di Musa, Punto e Idea, 2.800 operai e 300 impiegati e dal 16 giugno per gli addetti della Multipla complessivamente oltre 600 lavoratori. Inoltre lunedì prossimo si fermeranno tutti i tre i turni delle meccaniche a seguito di una alluvione che si è verificata in Polonia.

Per il momento solo indiscrezioni sulle dimensioni del provvedimento, tuttavia c'è già apprensione tra i rappresentanti dei colletti bianchi. Per il momento, infatti, quell'inversione di tendenza espressa nel piano industriale e che avrebbe portato un potenziamento dello stabilimento piemontese per un incremento di produzione auto stimato in più di 200 mila vetture l’anno non c'è stato; anzi, non se ne vede nemmeno l'ombra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • simo70

    02 Giugno 2010 - 01:01

    Se volete che ricominciamo a comprare le vs auto, vi dò qualche suggerimento semplice-semplice: 1) via il bollo per 5 anni 2) revisione+bollino blu- troppe spese, lasciateci stare. Chi ha l'impianto, che controllo dei fumi deve fare??????? E' già il massimo dell'ecologico! 3) passaggio di proprietà troppo caro, si bloccano gli scambi, ognuno si tiene il proprio ferro. E chi vuole disfarsene x acquistare il nuovo, non riesce a vendere. Siete voi che dovete vendere, inventatevi qualcosa! Stupiteci, che imprenditori siete?!?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    26 Maggio 2010 - 15:03

    Non bisogna più comprare Fiat. Il suo sporco gioco di prendere solo i benefici e scaricare sullo Stato il mantenimento degli operai che non vuole più, lo sta continuando come da sempre. Ora che ci stanno convincendo ad accettare i sacrifici (Ricordo che già Pertini diceva ai suoi tempi da Presidente che sarebbero durati SOLO l'indispensabile.. tzè), sarebbe il caso di porre un muro a questo modo di agire. Magari assicurando controlli cavillosi su ogni carta e ogni aspetto della produzione, in maniera di porre un enorme freno agli affar(acc)i Fiat. Berbuffoni, però, non lo farà mai: sono tutti amici suoi gli industriali. Da parte mia il suo partito del PdL lo considero cancellato per sempre da casa mia.

    Report

    Rispondi

  • claudioF

    26 Maggio 2010 - 12:12

    ...mentre il prossimo anno la Fiat produrrà le UNO in Romania...VERGOGNA!!

    Report

    Rispondi

blog