Cerca

Cicchitto propone un controboicottaggio a Coop e Conad

Il capogruppo del PdL si scaglia contro la sparizione dagli scaffali dei prodotti provenienti da Israele

Cicchitto propone un controboicottaggio a Coop e Conad
Occhio per occhio, boicottaggio per boicottaggio. E' questa la singolare provocazione del capogruppo alla Camera del PdL Fabrizio Cicchitto che, entrando nel merito della presunta sparizione dei prodotti israeliani dagli scaffali della Coop e della Conad, ha proposto un controboicottaggio contro queste due catene di produzione.
"La decisione di Coop e Conad di togliere dagli scaffali prodotti israeliani è insieme ipocrita e gravissima. Di fatto un boicottaggio. Se persistono in questo atteggiamento che per ora non qualifichiamo con l’aggettivo che meriterebbe bisognerà organizzare il boicottaggio di Coop e Conad", ha detto Cicchitto.

E il presidente dei deputati del PdL non è l'unico che è pronto a passare ai fatti. L'Associazione "Secondo Protocollo" ha inviato un esposto alla Corte Europea dei Diritti Umani di Strasburgo chiedendo l'apertura di un procedimento contro CONAD e COOP al fine di stabilire se in tale azione vi siano i presupposti di una violazione all'articolo 14 (divieto di discriminazione) della Convenzione dei Diritti dell'Uomo.

DIFESA - Tuttavia le due catene di distrubuzione non cambiano le loro posizioni. La sparizione dagli scaffali dei prodotti a marchio Agrexco provenienti dalle colonie israeliane in Cisgiordania non sarebbero etichettabili come un boicottaggio.
"Conad non intrapreso alcuna azione di boicottaggio, ma ha solo richiesto informazioni al fornitore".
E anche la Coop si difende.
"Abbiamo deciso di sospendere gli approvvigionamenti di merci prodotte nei territori occupati, solo per una mancanza etichettatura della provenienza dei prodotti. Per questo valuteremo se esistano possibilità di specificare maggiormente l'origine del prodotto, al fine di consentire per il consumatore finale una reale distinzione tra i prodotti made in Israel e quelli eventualmente provenienti dai territori occupati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • guga

    27 Luglio 2011 - 10:10

    ..per parlare dei superiori eticamente, sì i ns sxtrorsi, cosa fanno per combattere la concorrente ESSELUNGA ? specialmente in emilia... dove comandano dittatorialmente,applicano le leggi del comunismo staliniano! saluti

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    27 Luglio 2011 - 10:10

    i comunisti sono dei meschini a tutti i livelli le coop sono il piu' grande agglomerato di mafiosi rossi che esista sulla faccia della terra

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    31 Maggio 2010 - 19:07

    i comunisti sono insuperabili per la loro ignoranza (oltre che per tutti gli altri difetti di cui sono ricchi), infatti non sanno che gli Israeliani sono gli unici al mondo che hanno realizzato un comunismo che funziona, cioà i Kibbutz dove vengono coltivate le verdure e la frutta che loro biocottano.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    27 Maggio 2010 - 23:11

    Boicottare i prodotti israeliani,se non per motivi di correttezza commerciale e/o di altro regolamento stabilito dalle regole comunitarie,sarebbe del tutto ignobile.Per anni,ci hanno fatto vedere il bambino ebreo nella buca,a mani alzate e con i fucili delle SS puntati su di lui. Poi,quando c'era da dargli addosso agli ebrei,non hanno mai lesinato ogni colpa verso di loro.Se ciò non avrà giustificazione nel non esporre prodotti israeliani in questi due supermercati,auspico che vengano denunziati di razzismo verso il popolo di Israele e sanciti a dovere.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog