Cerca

Rignano, processo rinviato

Quasi tutti i genitori presenti in aula: "I bambini gli abusi li hanno subiti ed è sicuro"

Rignano, processo rinviato
Si torna a parlare oggi di un asilo degli orrori, quello di Rignano Flaminio. Sembrava tutto pronto per la prima udienza oggi a Tivoli. Ma il processo  rinviato al 22 settembre per l’instabilità del collegio giudicante poiché uno dei giudici sarà trasferito a Roma. Saranno giudicate dopo l'estate quindi le tre maestre di scuola primaria, Silvana Magalotti, Marisa Pucci e Patrizia Del Meglio, il marito di questa Gianfranco Scancarello e la bidella Cristina Lunerti, accusati a vario titolo di atti osceni, maltrattamenti, sottrazione di persone incapaci, sequestro di persona, violenza sessuale aggravata,corruzione di minore, violenza di gruppo e atti contrari alla pubblica decenza. Accuse pesanti, che possono portare a pene prolungate, fino a 15 anni.

Vittime degli abusi sono 21 bambini di Rignano Flaminio. "Quasi tutti i genitori dei piccoli ci saranno - ha detto Arianna Di Biagio dell’Agerif - E noi saremo accanto a loro. Anche se sarà una udienza d’avvio, senza particolari passaggi significativi per tutti noi sarà importante. Perché questa storia si comincerà a discutere nella vera sede. Non è lite condominiale, c'è stato un percorso che ha portato a questo. C'è stato un rinvio a giudizio. Non bisogna più parlare di presunti abusi. I nostri bambini gli abusi li hanno subiti ed è sicuro. Poi bisogna vedere chi, come e quando, li ha fatti. Per questo c'è il processo".

Il 12 febbraio scorso il gup ha disposto il rinvio a giudizio di cinque persone. Poi il
caso si è riaperto, con un'ennesima rivelazione dei bambini. Quattro di loro hanno riconosciuto in una cascina a pochi chilometri di distanza, il cosiddetto "castello della paura, con la cucina bianca e rossa", dove sarebbero state compiute le violenze. La loro testimonianza è già stata acquisita in sede di incidente probatorio davanti al gip del tribunale di Tivoli e ha richiamato in causa anche una donna polacca che all'epoca degli abusi avrebbe vissuto nel casolare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • powerinvest

    27 Maggio 2010 - 22:10

    Non ho la più pallida idea, a parte quello che leggiamo nei quotidiani e nelle TV. L'istinto me dice è tutta una bufala. Se però si vede con quanta convinzione i genitori insistono, i dubbi iniziano. Poi mi ricordo il processo Tortora, ove l'accusatore doveva continuare a sostenere le sue falsità perchè ormai ci aveva messo la faccia e non voleva scendere dal suo piedistallo di primattore e sostenne sino alla fine le accuse. Anche quando si prende un'abbaglio di questa dimensione è difficile fare un passo indietro, come i PM nel processo Andreotti. Non vorrei essere nei panni dei genitori,degli imputati e dei periti (i PM si salvono sempre!). Veramente difficile! Auguri a tutti.

    Report

    Rispondi

blog