Cerca

Il Mose di Venezia alza il sipario il 9 giugno

È il più grande cantiere di ingegneria idraulica del mondo

Il Mose di Venezia alza il sipario il 9 giugno
Si alza il sipario - In un momento di forte difficoltà economica il Mose, il più grande cantiere di ingegneria idraulica del mondo, sembra essere la testimonianza di ciò che l’Italia è in grado di fare e di esportare in ogni angolo del pianeta. Non a caso, infatti, il Mose è anche uno dei volti che rappresenta l’Italia all’Expo di Shanghai. Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia annuncia la sua prima uscita ufficiale per visitare il Mose che aprirà le sue porte il 9 di giungo anche alla stampa nazionale e internazionale. Il cantiere si aprirà alle telecamere e alla stampa con una visita molto articolata che si svolgerà nell'arco dell'intera mattinata. Al termine ci sarà una conferenza stampa sullo stato avanzato di realizzazione dell’opera.

Ad accompagnare Zaia ci saranno l'ingegnere Patrizio Cuccioletta, presidente del Magistrato alle Acque e l'ingegnere Giovanni Mazzacurati, presidente del Consorzio Venezia Nuova. «Il cantiere impiega 3000 operai, che hanno già completato il 63% dei lavori. L'obiettivo - aggiunge Zaia - è proteggere un'opera d'arte qual è Venezia. E per raggiungerlo il Veneto e l'intero Nord Est hanno attivato un potente motore di sviluppo, diversificando la propria economia, coinvolgendo le migliori forze produttive e i più avanzati settori della ricerca scientifica, un patrimonio che nessuna crisi potrà dissipare».

Cos'è il Mose -
Il termine Mose è un acronimo per MOdulo Sperimentale Elettromeccanico che consiste in un sistema integrato di opere costituito da paratoie a scomparsa in grado di isolare la Laguna di Venezia dal Mare Adriatico durante l’alta marea. La struttura rientra nel piano di interventi per la salvaguardia di Venezie e della Laguna. Il progetto è stato avviato nel 1987 grazie al Ministero delle Infrastrutture, il Magistrato delle Acque di Venezia (il braccio operativo lagunare del Ministero). Il tutto tramite il Consorzio Venezia Nuova. Alcuni interventi sono già stati realizzati, altri sono in dirittura d’arrivo. Questo resta, comunque, il più grande programma di difesa, recupero e qualificazione dell’ambiente che lo stato italiano abbia mai attuato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    05 Giugno 2014 - 08:08

    ..."sembra essere la testimonianza di ciò che l’Italia è in grado di fare e di esportare in ogni angolo del pianeta".Provate a portare il sistema mazzette nei paesi arabi...La tagliano le mani......

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    26 Marzo 2011 - 10:10

    Per chi non conosce la storia della grande Repubblica di Venezia, aggiungo che già alcuni secoli fa Il Magistrato alle acque ( istituzione nata a Venezia nel 1500 per la sua salvaguardia che aveva un assoluto potere decisionale sui corsi d'acqua dalla sorgente alla foce), aveva deliberato di deviare i tre fiumi che allora sfociavano nella laguna con grave pericolo di interrameno, il Piave deviato a Caorle e il Brenta e il Bacchiglione deviati verso Chioggia. Opere immani di ingegneria idraulica effettuate senza l'ausilio di mezzi meccanici e di pompe idrauliche. Quindi il Mose è solo la continuazione degli sforzi per salvare venezia e non ha niente da invidiare alle precedenti opere idrauliche eseguite dalla "Serenissima".

    Report

    Rispondi

    • allianz

      05 Giugno 2014 - 08:08

      Vero quanto asserito.Peccato che nella storia della Serenissima durata 14 secoli di gloria,siano bastati "con l'italia 140 de m***da"per affossarla....E' un detto che circola dalle mie parti.Non me ne voglia.

      Report

      Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    04 Giugno 2010 - 14:02

    E' quì che si misura l'alta ingegneria e tecnologia delle maestranze italiane. Un'opera del genere fa grande la nostra Nazione in tutto il mondo. Bravo Governo Berlusconi. Caro Berlusca, cerca sempre di comportarti in tal maniera e smettila di infilarti in sacchi senza uscita per comportamenti infantili.

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    03 Giugno 2010 - 23:11

    Basta recarsi a Punta Sabbioni,in direzione faro ed ecco; i grandi lavori in stato di avanzamento.Così si fa;un'opera gigantesca da fare strabiliare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog