Cerca

Donna romena sequestrata e violentata per giorni

L'aguzzino è un 36enne connazionale della vittima. Dopo un tentativo di fuga è stato arrestato

Donna romena sequestrata e violentata per giorni
Una cittadina romena di 21 anni era stata segregata in un casolare e violentata più volte da un uomo. Lui la voleva costringere a prostituirsi. Il suo aguzzino, T.S. un 36enne romeno, è stato fermato dai militari dell’Arma con l'accusa di sequestro di persona e violenza sessuale. La vicenda è accaduta a Zagarolo, vicino Roma.

La donna, in Italia da circa un mese, secondo quanto ha raccontato ai carabinieri sarebbe stata rapita dal connazionale lo scorso venerdì nei pressi di una fermata dell'autobus nel comune di Colonna e condotta contro la propria volontà in un casolare abbandonato, in pessime condizioni igienico sanitarie, ubicato nei pressi della Stazione ferroviaria di Zagarolo.

Qui il suo aguzzino ne ha più volte abusato sessualmente costringendola ad avere rapporti anche con alcuni suoi amici, per avviarla alla prostituzione. Una segnalazione anonima giunta al 112, ha permesso ai Carabinieri di liberare dall'incubo la ragazza e di fermare il suo aguzzino dopo un vano tentativo di fuga. La vittima è stata accompagnata al pronto soccorso dell'ospedale di Palestrina e sottoposta ai dovuti accertamenti sanitari.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    08 Giugno 2010 - 13:01

    spesso e volentieri che ci sono romeni buoni e cattivi, come gli italiani e tanti altri; strano constatare che comunque da noi, i cattivi son veramenente tanti e che comunque ogni volta che fanno danni li fanno con una ferocia realmente al di la della nostra comprensione. Questi li prenderei e dopo averli buttati in galera per un po, ripristinerei il foglio di via, come si usava una volta per noi italiani, in italia, e li rispedirei in romania, con divieto di ritornarci. Non me ne frega nulla del fatto che siano comunitari; io di avere a che fare con delle bestie simili, rinuncio senza problemi. Non portano nulla, se non creare ulteriori problemi in un contesto sociale che ormai è talmente logoro, che da un giorno all'altro ne succederà una talmente grossa e grave da farci capire che la misura è colma.

    Report

    Rispondi

  • simo70

    08 Giugno 2010 - 09:09

    Siamo fratelli di storia, di tradizioni con questo popolo, ma mi rendo conto, purtroppo, che molti sono al livello dell'uomo primitivo. Aldilà di considerazioni economiche, prima di far entrare un paese nella Ue, non sarebbe il caso di quantificare anche il livello culturale? Non mi sto riferendo, ovviamente, a questo caso di cronaca, ma in generale a come li vedo comportarsi/vestirsi/dallo sguardo che hanno/ecc.

    Report

    Rispondi

  • arturo deroma

    07 Giugno 2010 - 20:08

    Stesso fatto o quasi, successo a SASSARI. Una ragazza di 23 anni è stata sequestrata per nove ore e violentata da tre connazionali. L’hanno rilasciata solo dopo averla minacciata di morte nel caso avesse denunciato il fatto. I tre, tutti romeni, operai di una impresa edile, sono stati arrestati dalla polizia.

    Report

    Rispondi

  • orsola

    07 Giugno 2010 - 13:01

    Sarebbe ora di finirla, con tutti questi accadimenti siamo sempre noi a volere che le cose finiscano in questo modo!!!! Continuando a tenere le porte aperte va a finire, come in questo caso che anche loro stessi ci rimettano, rimangono sbandati in una terra che non è la loro e nemmeno tra connazionali si aiutano, anzi!!!!

    Report

    Rispondi

blog