Cerca

Lavori autostrada Salerno-Reggio Calabria: 52 arresti

Appartenevano alle cosche della 'Ndrangheta. Si erano infiltrati negli appalti per i lavori di ammodernamento dell'A3

Lavori autostrada Salerno-Reggio Calabria: 52 arresti
Super operazione -  La squadra mobile di Reggio Calabria ha eseguito un cinquantina di arresti per un’inchiesta coordinata dalla direzione distrettuale antimafia della città dello stretto contro presunti affiliati a potenti cosche della 'Ndrangheta che operano nella zona di Palmi e che erano riuscite a infiltrarsi negli appalti per i lavori di ammodernamento dell’autostrada A3. L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Reggio Calabria, Giuseppe Pignatone, dall’aggiunto Michele Prestipino e dal pm Giovanni Musarò. Le famiglie colpite dall’operazione sono quelle dei Gallico-Morgante-Sgrò-Sciglitano e Bruzzise-Parrello contrapposte in una sanguinosa faida tra gli anni '80 e '90 e anche più recentemente. Agli indagati sono contestati, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, omicidi ed estorsione.

I lavori sull'autostrada - I lavori finiti nel mirino degli investigatori sono quelli del quinto macrolotto che interessano il tratto compreso tra Gioia Tauro e Scilla. L’arrivo dei lavori nella zona di Palmi e gli appetiti per gli affari che ciò comportava, tra l’altro, secondo quanto emerso dalle indagini degli uomini di Renato Cortese, aveva portato a una ripresa dei focolai di violenza tra le cosche della zona, contrapposte, negli anni '80 e '90, in una sanguinosa faida che aveva provocato decine e decine di morti.

Gli arresti - Tra gli arrestati ci sarebbero mandanti e autori di una decina di delitti compiuti tra gli anni '80 e '90, quando la faida raggiunse il massimo della violenza. Lo scontro tra le cosche Gallico-Morgante-Sgrò-Scigliano da una parte e Bruzzise-Parrello dall’altra, ha provocato decine e decine di morti. Secondo gli investigatori, gli appetiti delle due consorterie per gli appalti dei lavori di ammodernamento della A3 avevano portato, recentemente, ad una riacutizzarsi della tensione con nuovi delitti.

Le tangenti - Le cosche, secondo quanto si è appreso, grazie ad alcune imprese collegate a degli affiliati erano anche riuscite ad ottenere alcuni lavori di ammodernamento dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria.  In base a quanto è stato ricostruito dagli investigatori della squadra mobile reggina, le cosche della 'ndrangheta di Palmi imponevano una tangente del 3% alle imprese appaltatrici e la fornitura del calcestruzzo presso aziende compiacenti. Grazie, quindi, ad imprese collegate direttamente alle famiglie, la 'ndrangheta palmese era così riuscita a mettere le mani sugli appalti per i lavori sulla A3. Un sistema che andava a discapito dell’economia sana, completamente tagliata fuori dalle imprese colluse che approfittavano del potere mafioso che era alle loro spalle per ottenere i lavori di subappalto, per questo in manette sono finiti anche diversi imprenditori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • v.

    16 Agosto 2011 - 11:11

    e di ieri è pure la notizia che chi attracca al porto di Napoli deve pagare il pizzo alla camorra. abbiamo Sicilia, Campania, Calabria e Puglia. Quattro regioni nelle mani salde della criminalità organizzata. Secondo il ministero dell'interno la 'ndrangheta fattura quasi come Finmeccanica. Forse potrebbe essere un'idea quella di costingerli a fatturare? Altro che finanziaria. Naturalmente è una provocazione, ma che rabbia mi fa pensare che ci sono milioni di cittadini onesti (e ci sono perdiana!) di questi animali analfabeti. Ma pare che sia come svuotare il mare con un cucchiaino da caffè. Non cambierà mai. Ci era riuscito Mussolini, ma ahimè, pare che i suoi metodi non siano considerati democratici. Eppure...... eppure si può essere garantisti e democratici con chi ti fa la guerra? Questi fanno la guerra allo stato tutti i giorni, e lo stato risponde con i processi.

    Report

    Rispondi

  • minovitti27

    12 Marzo 2011 - 19:07

    a tutti i militari che rischiano la vita tutti i giorni contro questi assassini e che vengono ripagati con un misero salario mensile, però detto questo mi rivolgo ai politici che sono attualmente in carica, non dovevate stroncare queste organizzazioni di mafiosi o forse queste non appartengono alle cosche mafiose protette dai nostri potenti?

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    02 Dicembre 2010 - 15:03

    Con me sfondi una porta aperta !! Ne so qualcosa da poter scrivere un libro, altro che Saviano, purtroppo senza nessuna prova dimostrabile.

    Report

    Rispondi

  • powerinvest

    08 Giugno 2010 - 14:02

    non porta a nulla fare paragoni, ma ho l'impressione se ci si mette con impegno, la criminalità organizzata soffre colpi mai sentiti, inoltre sequestrando i beni, manca l'ossigeno per rimanere in piedi. Ho la sensazione che ormai il Ministero degli interni abbia trovato una formula di come procedere per arrivare a dei resultati veramente concreti. Complimenti!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog