Cerca

Cei respinge accuse generalizzate di pedofilia per i preti

Durante l'ultima assemblea dei vescovi viene diffuso un messaggio di incoraggiamento e di ringraziamento a tutti i sacerdoti italiani

Cei respinge accuse generalizzate di pedofilia per i preti
Alla vigilia del grande appuntamento conclusivo dell’anno sacerdotale che si svolgerà a Roma dal 9 all’11 giugno, la Cei ha diffuso un messaggio di incoraggiamento e di ringraziamento a tutti i sacerdoti soprattutto in  questo momento di amarezza, sospetto e accuse generalizzate. I vescovi italiani così respingono le "accuse generalizzate" di pedofilia "che hanno prodotto amarezza e dolore e gettato il sospetto su tutti" i sacerdoti italiani dei quali solo una minoranza piccolissima è coinvolto in episodi di abuso sessuale.

Sostegno all'appello del Papa
- I vescovi rilanciano l’appello di Papa Benedetto XVI alla penitenza come via d’uscita dallo scandalo della pedofilia e al contempo, dunque, respingono le accuse. Accuse "incalzanti", affermano in un messaggio approvato nei giorni scorsi dall’assemblea generale e diffuso oggi. Nel messaggio i vescovi sottolineano «insieme vogliamo esprimervi la nostra cordiale stima e vicinanza, ispirata dalla comune responsabilità ecclesiale. La nostra - sottolineano - vuole essere, anzitutto, una parola di gratitudine: noi siamo fieri di voi! Il bene che offrite alle nostre comunità nell’esercizio ordinario del ministero è incalcolabile e, insieme ai fedeli, noi ve ne siamo grati». In sintonia con il Papa il messaggio si sofferma sul valore della penitenza: «una parola con cui ci invitiamo a vicenda a perseverare nel cammino di conversione. La vocazione alla santità - spiegano i presuli - ci spinge a non rassegnarci alle fragilità e al peccato. Essa è un appello accorato di Gesù e un imperativo per tutti: 'venite a me!... rimanete in me!... seguitemi. Questa irresistibile sollecitazione ci commuove e ci spinge ad andare avanti, ci aiuta a non adagiarci sulle comodità, a non lasciarci distogliere dall’essenziale, a non rassegnarci a ciò che è solo abituale nel ministero».

Parole di incoraggiamento
- Nel messaggio si sottolinea come «la chiesa ci affida il Vangelo che illumina i nostri passi, corregge le nostre derive, ispira i pensieri e i sentimenti del cuore e sostiene il desiderio di bene presente nell’animo di ciascuno. E dunque bisogna accogliere con gioia la sua parola di speranza e di verità, desiderosi di lasciarci educare da lui». Il messaggio ai sacerdoti italiani contiene poi una parola di incoraggiamento: «il Signore non ci ha promesso una vita facile, ma una presenza che non verrà mai meno. Senza di lui siamo nulla e non possiamo fare niente. Dimorando in lui i nostri frutti saranno abbondanti e duraturi. La sua compagnia non ci mette al sicuro dagli attacchi del maligno né ci rende impeccabili, ma ci assicura che il male non avrà mai l’ultima parola, perché chi si fa carico del proprio peccato può sempre rialzarsi e riprendere il cammino. Vi sostenga la comunione del presbiterio, la nostra paternità, la certezza della presenza del Signore Risorto che rende possibile attraversare ogni prova – conclude - Gratitudine, conversione, incoraggiamento: questo vi diciamo per essere ancora più uniti nel condividere l’impegno e la gioia del ministero a servizio delle nostre Chiese e del Paese».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • MPVG

    09 Giugno 2010 - 09:09

    Sono sicuro, dai vostri discorsi, che conoscete i preti più dai giornali che per esperienza personale. Quanti preti conoscete? Quanti di loro sono pedofili? "alla larga i bambini dalle chiese". Ma allora anche alla larga dalle scuole, dove i pedofili non mancano. E se vogliamo una vera profilassi contro la pedofilia e non fare propaganda contro la Chiesa,non dobbiamo lasciarli nemmeno in casa dato che la stragrande maggioranza dei casi di pedofilia si manifesta in famiglia. Il celibato non c'entra niente. Se uno avesse delle "voglie irrefrenabili" le sfogherebbe con una donna non con un bambino. Ma voi vi sentite attratti sessualmente dai bambini? no perché solo uno che pensa questo può mai solo concepire che uno possa deviare dall'interesse per le donne a quello per i bambini.

    Report

    Rispondi

  • xulxul

    08 Giugno 2010 - 23:11

    leggere le farneticazioni di certa gente (per rispetto chiamiamola ancora così) sui blog. Si fa molta fatica a pensare solo ad ignoranza crassa; piuttosto verrebbe da pensare a qualche patologia psichiatrica. Giusta e sacrosanta l'opera di verità e pulizia avviata dalla Chiesa, Papa in primis. Non dimentichiamo le cifre: 0,03% di casi di pedofilia accertata del clero cattolico negli USA. Ma a certa gente (vedi sopra) i dati veri non interessano. Interessano le "balle" create ad arte dalle lobby laiciste. Sia chiaro: un solo caso è già troppo; è esecrabile e deve essere perseguito. Ma tutti i calunniatori affamati di soldi e a piede libero, quelli non fanno testo.Quanti sacerdoti accusati falsamente. Chesterton diceva che ci sono uomini che iniziano a combattere la Chiesa in nome della libertà e dell'umanità, e finiscono per combattere la libertà e l'umanità pur di combattere la Chiesa. La Storia ci insegna, però, che alla fine la Chiesa ha sempre fatto il funerale ai suoi nemici.

    Report

    Rispondi

  • bastaaa

    08 Giugno 2010 - 16:04

    condivido in pieno quanto detto da Nicola Guastamacchia. Secondo me su 10 se ne salvano a malapena 3. Bambini state alla larga dalle chiese se non siete accompagnati.

    Report

    Rispondi

  • ADIP28

    08 Giugno 2010 - 15:03

    Suvvia signori prelati e non, cerchiamo di farla finita con questi casi di pedofilia ed altro... che sono noti a chiunque non da ora o da qualche anno ma da secoli e secoli ! Siete tutti uomini come noi e gli istinti umani, talvolta irrefrenabili, possono "governare" la nostra mente anche non volendo. Il fenomeno può capitare a tutti : uomini e donne magari anche ....sognando. Affermare il contrario sarebbe una vera utopia......e andare contro natura. Secondo me fareste bene ad abolire il celibato.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog