Cerca

Titolare di un centro di scommesse si finge sequestrato e rapinato

Il comandante dei carabinieri di Cinisi riesce a demolire il racconto dell'uomo e a farlo confessare

Titolare di un centro di scommesse si finge sequestrato e rapinato
L'uomo aveva ricostruito in ogni minimo dettaglio le fasi di una rapina. Addirittura aveva pensato al sequestro di persona. Ma in realtà si era solo provocato dei segni sulle braccia per dimostrare la sua versione. Dopo qualche ora di domande sempre più stringenti, però, l'uomo e il suo castello di bugie sono crollati, confermando i sospetti dei carabinieri. Tutto questo è successo a Cinisi, piccolo centro della provincia di Palermo.È

Ed ecco cos'è successo: il titolare di un centro scommesse si è recato nella caserma dei carabinieri per sporgere formale denuncia per sequestro di persona e rapina. Racconta ai militari che poco prima dell’apertura della ricevitoria che lui stesso gestisce, è stato sorpreso da tre banditi a volto scoperto, i quali, entrati all’interno dei locali dalla porta di accesso posteriore, l’hanno immobilizzato legandolo con nastro adesivo alla sedia, portandogli via 10mila euro.

Il titolare della ricevitoria mostra i segni lasciati dal nastro adesivo sulle braccia. Però non è in grado di fornire una descrizione adeguatamente dettagliata dei tre malviventi che lo hanno aggredito, né riesce a individuarli nelle foto contenute in un fascicolo di soggetti sospetti. Proprio per queste ragioni la ricostruzione non convince i militari e ad avvalorare i dubbi giunge la conferma di un "decano" della Stazione carabinieri, che è a conoscenza della grave situazione debitoria in cui versa l’uomo. E forse le bugie dovevano dare una giustificazione alle mancate giocate ai danni degli inconsapevoli scommettitori o fargli ottenere un risarcimento dall’assicurazione. Ma il comandante di Stazione riesce piano piano a demolire il racconto e a fare confessare il titolare che viene denunciato. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog