Cerca

Omofobia, aggredita una coppia gay

Insulti, calci e pugni contro due ragazzi in pieno centro a Padova. A Milano sfila il Gay Pride: "Non ci arrendiamo alla paura"

24
Omofobia, aggredita una coppia gay
Sono stati picchiati e insultati perché omosessuali. Protagonisti dell'ennesimo episodio di violenza e omofobia due ragazzi veneti di 27 e 31 anni, Enrico e Matteo, aggrediti la scorsa notte in pieno centro a Padova, mentre passavano davanti a un noto bar cittadino. "Gay, comunisti" ha urlato l'aggressore, poco meno di 30 anni, contro i ragazzi che camminavano abbracciati. Poi si è avvicinato a loro chiedendo spiegazioni sul loro atteggiamento, e non ricevendo risposta, è passato dalle parole ai fatti: calci e pugni tra l'indifferenza generale degli altri ragazzi seduti ai tavolini del bar.

I due sono finiti all’ospedale dove sono stati curati con una prognosi di otto giorni. Ricevuti i soccorsi, hanno avvertito la polizia che ha raggiunto subito il locale senza trovarvi però l’aggressore.

Sull'accaduto interviene oggi l'Arcigay di Padova, che in una nuota scrive: "Confidiamo che le forze dell’ordine riescano al più presto ad assicurare alla giustizia l’autore di questo spregevole gesto omofobo. Politicamente però serve una riflessione ampia. Temiamo che i proclami discriminatori della Lega e del Pdl possano generare un clima d’odio e di intolleranza in cui alcuni esaltati possano esercitare senza freni la loro violenza. Di fronte a un gesto di violenza è necessario che le istituzioni si schierino, isolando gli omofobi e gli intolleranti. Chiediamo che la presidente della Provincia Barbara Degani e il governatore del Veneto Luca Zaia manifestino al più presto la loro solidarietà ai due ragazzi vittime di violenza e a tutta la comunità gay del Veneto. Nessuno deve aver paura di tenersi per mano per strada".

Gay Pride a Milano - Oggi a Milano sfilano per le vie del centro migliaia di gay, lesbiche, transessuali e drag queen (seimila per la questura, oltre 10 mila per gli organizzatori) per rivendicare i loro diritti e protestare contro l'omofobia: "Siamo qui per dimostrare che non ci arrendiamo alla paura - ha detto Marco Mori, presidente milanese dell'Arcigay - in una città dove la sicurezza è agitata come spauracchio per guadagnare voti, ma quando riguarda noi gay non è più una priorità". Al Gay Pride di Milano, il primo del 2010 che prepara il raduno nazionale di Napoli il 26 giugno, hanno aderito tutte le sigle dell'attivismo omosessuale e ha partecipato l'assessore comunale di Padova, Alessandro Zan, per testimoniare la solidarietà con i due ragazzi  aggrediti nella sua città.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • luigigiggi1962

    15 Giugno 2010 - 11:11

    un'altra schifezza per strada, ma come si fa a organizzare certe sfilate?

    Report

    Rispondi

  • Scrappy

    14 Giugno 2010 - 19:07

    le teorie astruse su l'omosessualità con dati scientifici , come dici tu , ricordano le teorie antisemite e quelle razziali contro i neri, roba che se fosse per quelli che scrivono ste stronzate, Obama invece del presidente degli USA starebbe a spalare letame in qualche fattoria dell'Oklaoma....Poi www.couragerc.net/.....xul xul ,ma che sito è? l'ho visitato, e un commercio creato su noi omosessuali, sul nostro senso di colpa e frustrazione ,vendono Dvd gadget e chiedono soldi in donazione? ma davvero ti fidi di queste persone ? che alimentano il loro mercato sulla pelle dei molti omosessuali che per colpa della famiglia e della società sono frustrati e tristi.....se frequentassi qualche omosessuale per bene ,avresti solo da imparare su cosa è la tolleranza e la condivisione della vita...la tua morale è ancora bloccata dalla paura....di scoprire che omo etero e bisex ,siamo persone che in una democrazia dovremmo avere i stessi diritti non solo gli stessi doveri.

    Report

    Rispondi

  • Scrappy

    14 Giugno 2010 - 19:07

    ti mando un sito super cattolico ,affinchè tu che penso sia molto religioso possa trovare delle risposte al tuo annoso problema se farci vivere serenamente o mandarci ai lavori forzati per farci diventare etero.,per quanto riguarda quei gay che hanno messo su famiglia probabilmente sono bisessuali, esistono anche loro e sono moltissimi, poi ci sono quelli che pur sposati vanno a cercare avventure OMO , poi ti mando la definizione che i paesi sviluppati compresa L'Italia danno dell'omosessualità, , però leggila non fare che visto che ci odi ,non meritiamo nemmeno una possibilità, libera la mente e progredisci, a essere buoni e accoglienti ci si guadagna sempre. Buona Lettura http://www.nuovapropostaroma.it/ http://it.wikipedia.org/wiki/Omosessualità

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media