Cerca

La Cassazione: "Vaff" si può dire, ma solo ai colleghi

La sentenza da una causa di Ascoli Piceno. L'impiegata, multata, aveva insultato il capo

La Cassazione: "Vaff" si può dire, ma solo ai colleghi
Passi per gli stipendi, gli orari più flessibili e gli avanzamenti di carriera, ma togliere ai dipendenti pure la democraticità degli insulti è veramente un colpo basso.
La Cassazione ha infatti stabilito oggi che si può dire “vaff...” o “str…” a un collega, mentre tali ingiurie non possono essere riferibili impunemente al proprio capo.
Il caso da cui nasce la sentenza ha riguardato un'impiegata che aveva insultato una dirigente ad Ascoli Piceno. Facile da descrivere lo scenario del diverbio, con le due donne in disaccordo sulla gestione di una pratica. La dipendente ha iniziato con un “cretina”, continuando con “str…” e concludendo la frase con un perentorio “vaf...”.
Ora, dopo i verdetti sfavorevoli del giudice di pace e del tribunale in secondo grado, anche la Cassazione ha dato torto alla donna, non per la natura degli insulti, bensì perché lo scambio ingiurioso è avvenuto tra persone di diverso grado.
Secondo i supremi giudici, infatti, se il colorito diverbio avviene tra colleghi o pari grado, questo rende l'insulto inoffensivo. Non vale tale ragionamento, invece, se le espressioni pepate vengono rivolte a un superiore.
Così l'impiegata dovrà risarcire al capo 1200 euro di spese legali, oltre a una cifra che sarà liquidata dal giudice civile.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • frank-rm

    07 Ottobre 2011 - 13:01

    Ditemi se, un mattino dovessi svegliarmi e venire a conoscenza di essere il figlio di Dio, potrei mandarci il capo del Governo o comunque lui avrebbe delle prerogative?!?

    Report

    Rispondi

  • dubhe2003

    16 Giugno 2010 - 19:07

    Un tempo,qualsiasi offesa anche verbale purchè avvalorata da testimoni oculari,veniva catalogata come ingiuria e quindi si poteva sporgere denuncia ai Carabinieri.Gli articoli dei codici sono gli stessi,ma la discrezionalità dei giudici nell'interpretazione,sempre più varia nel luogo e nel tempo...altro che i voli pindarici! Così il Grillo,che manda tutti al vaf....viene ritenuto collega,perciò impunito,o gli daranno l'ergastolo?

    Report

    Rispondi

  • andrea1966

    15 Giugno 2010 - 09:09

    In un mondo sempre piu' piatto ed uniforme...perche' questa disuguaglianza di trattamento? E' proprio il capo che spesso merita certi appellativi! Fra colleghi e' gia' in uso questa procedura, e nessuno ha mai fatto ricorso al tribunale. Quindi questo capo oltre ad essere stronzo e' pure un vigliacco.

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    15 Giugno 2010 - 04:04

    Scusate, sono un capo, posso mandare a VAFFA un sottoposto? Ho questo privilegio? Pero

    Report

    Rispondi

blog