Cerca

Manda l'auto blu dal pusher, nei guai ex senatore Udc

Inchiesta colpisce Salvatore Cintola: spediva l'autista a pagare la coca. Lui: "Tutte falsità". Il partito vuole espellerlo

Manda l'auto blu dal pusher, nei guai ex senatore Udc
L'accusa è aver mandato l'autista, con l'auto blu, a comprare cocaina. Il nome di Salvatore Cintola, 68 anni, ex senatore Udc oggi impegnato nel consiglio regionale siciliano, è saltato fuori la notte scorsa in seguito a un blitz antidroga nel palermitano. Ventinove persone, tra organizzatori e galoppini del racket, sono finite in manette. Stamattina, tra i nomi dei clienti del "giro", ne è saltato fuori uno eccellente, appunto quello di Cintola. L'indagine che lo riguarda data 2004 ma è parallela al blitz di stanotte, motivo per cui solo in queste ore se ne viene a conoscenza. Gli inquirenti avrebbero a disposizione intercettazioni telefoniche dalle quali si evince che l'ex senatore, mentre si trovava a Palazzo Normanni (sede della Regione Sicilia), avrebbe dato disposizioni alla segretaria per l'acquisto di cocaina. E il denaro per il pagamento della polvere bianca, un migliaio di euro in contanti, sarebbe stato fatto pervenire agli spacciatori tramite l'autista a bordo dell'auto blu. Cintola non è indagato, ma è stato segnalato quale consumatore di sostanze stupefacenti. L'inchiesta a suo carico risale al 2004 ma la vicenda è emersa solo adesso, in seguito al blitz antidroga che ha alzato il velo anche sull'elenco dei clienti dei pusher. Cintola si è difeso parlando con l'agenzia di stampa Agi: "Odio la droga e non ne ho mai fatto uso. E poi nel 2004 non utilizzavo l’auto blu perchè, nonostante fossi assessore al Bilancio, per una questione di moralità politica avevo deciso di usare la mia auto privata. Successivamente fui costretto a fare uso della vettura della Regione. Non mi è mai stato formalizzato nulla - precisa il politico - né una denuncia né avvisi di garanzia".
L'Udc vuole sospenderlo -
Il segretario nazionale dell'Udc Lorenzo Cesa, apprese le notizie riguardanti l'operazione di questa notte della sezione narcotici della squadra mobile di Palermo, ha sospeso dal partito il deputato regionale dell'Ars, Salvatore Cintola, proponendo ai Probi Viri l'espulsione immediata dal partito e chiedendo al capogruppo all'Assemblea Regionale, Rudy Maira, di procedere all'espulsione immediata anche dal gruppo. "Al di là dell'accertamento dei fatti, che ci auguriamo avvenga al più presto - afferma Cesa in una nota - la condotta morale tenuta da Salvatore Cintola, che già da tempo con le sue scelte politiche si era di fatto collocato fuori dall'Udc, appare incompatibile con i valori dell'Unione di Centro e rende improponibile la sua permanenza nel nostro partito".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vergiu

    17 Giugno 2010 - 17:05

    Un mio amico ha un cane S.B. sementiva guaiva e quando diceva le bugie si infilava sotto il letto e non c'era verso di farlo uscire. Quando io chiedevo che fa il cane se S.B dice una verità, questo amico mi rispondeva: non lo so, ce l'ho da sedianni anni...".

    Report

    Rispondi

  • schnee

    17 Giugno 2010 - 15:03

    Buongiorno a tutti!Guarda che belli che sono i sinistri in questo forum...Vai in una delle loro roccaforti, ti sbranano al 2. Qui invece, oltre a fornire i soliti aneddoti contro Berlusconi, si elevano a padroneggiare su Libero, come fosse casa loro. Sono arrivato qui dopo squallide esperienze su Virgilio e Repubblica, spero vivamente di trovare un posto in cui l'offesa becera e gratuita non sia la normalità e che i compagni che qui postano, siano di ben altra pasta confronto ai duri e puri degli altri forum. Voglio che scoprano che noi sappiamo cosa è la democrazia ed il diritto alla parola. Grazie e buongiorno a tutti ancora. Ps onorevoli disonorati a casa, tutti...

    Report

    Rispondi

  • Roberto P.

    17 Giugno 2010 - 14:02

    Ma bene, ancora una volta uno scandalo indegno che coinvolge un esponente UDC. Complimenti a Casini per gli elementi che colloca nelle poltrone in Parlamento e altrove. Ci siamo già dimenticati dello scandalo dell'On. Cosimo Mele, quello che a casa aveva la famiglia con la moglie incita all'ottavo mese, e si è fatto beccare in hotel con la squillo e la cocaina? Quelli dell'UDC lo hanno cacciato temporaneamente, ma due mesi fa la Poli Bertone l'ha ricandidato alla Regione Puglia, e mi risulta che sia anche sindaco da qualche parte... Sono questi i valori cattolici di moralità politica e famiglia di cui Casini va cianciando da anni ? E' inutile che Casini stressi l'Italia, il 'grande centro' e la Dc non torneranno mai più, per fortuna,e se solo avesse un minimo di decenza dovrebbe sciogliere il partito.

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    17 Giugno 2010 - 12:12

    A PIEDI...LI DEVONO MANDARE TUTTI A PIEDI,........NEANCHE IL BIGLIETTO PER I MEZZI PUBBLICI,SE VOGLIONO SE LO DEVONO PAGARE

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog