Cerca

Bertolaso: "contattato Sepe per casa in via Giulia"

L'ha riferito lui stesso ai magistrati perugini. Ha anche aggiunto di non aver mai pagato l'affitto dell'immobile

Bertolaso: "contattato Sepe per casa in via Giulia"
Alla fine spunta il Vaticano. È stato il cardinale Crescenzio Sepe, attuale arcivescovo di Napoli, a fare da collegamento tra il professore Francesco Silvano, collaboratore di Propaganda Fide che mise a disposizione del capo della protezione civile l'appartamento in Via Giulia a Roma, e il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso. A riferirlo ai magistrati perugini è stato lo stesso Bertolaso interrogato nel capoluogo umbro nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti per i “Grandi eventi” che lo vede indagato. Il numero uno della protezione civile ha riferito ai pm di avere lui stesso contattato il cardinale Sepe, per molto tempo ai vertici di Propaganda Fide.  

Tramite il professore Francesco Silvano, quindi, Bertolaso avrebbe ottenuto di poter soggiornare, fino alla fine del 2003, nell’appartamento di Via Giulia essendosi dovuto allontanare dalla sua abitazione per vicende personali. Il capo della protezione civile ha poi riferito di non aver mai pagato l’affitto dell’immobile ma di aver provveduto soltanto al pagamento delle varie bollette. Bertolaso ha quindi spiegato di non essersi mai occupato di appalti ad eccezione di quelli relativi al G8 alla Maddalena e che quando si accorse che i costi per il vertice in Sardegna stavano lievitando, decise di sostituire Fabio De Santis con Gian Michele Calvi.

Nonostante questo in Vaticano si sentono tranquilli per la vicenda e auspicano che la giustizia faccia il suo corso. Per loro sembra impossibile che Bertolaso fosse ospite di un appartamento senza che nessuno pagasse l’affitto alla "Congregazione per l’evangelizzazione dei popoli". Dunque qualcuno deve aver pagato.  Inoltre nel 2006 il Cardinale Sepe, allora prefetto di Propaganda Fide, è stato allontanato da Benedetto XVI alla vigilia della scadenza del primo quinquennio del mandato. E poi il cardinale Ivan Dias, l’attuale prefetto di Propaganda Fide, è stato nominato nel 2006 e lui doveva avviare una gestione trasparente. Ma lui ha garantito la sua estraneità ai fatti. Resta il fatto che la questione verrà affrontata nei prossimi mesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antari

    18 Giugno 2010 - 10:10

    del fatto che un BertolaSo riceva una casa senza pagare affitto, che uno scajola abbia la casa pagata da altri, etc? (S -> DR)

    Report

    Rispondi

  • TOSCANOCLASSICO

    17 Giugno 2010 - 16:04

    La prot. civ. italiana è una bella struttura non perché esiste Bertolaso o altri capetti, ma perché è fatta di gente che ci crede, che ci mette fantasia e passione e che, immagino, non abita nemmeno a via Giulia. Un appunto per la fortuna, scrivere in stampatello è sinonimo di cattivo gusto.

    Report

    Rispondi

  • delusodasilvio41

    17 Giugno 2010 - 15:03

    INTENDEVO FORTUNA24

    Report

    Rispondi

  • ADIP28

    17 Giugno 2010 - 15:03

    Questo Cardinale (Peraltro possibile prossimo PAPA...), SENZA ALCUN INTERESSE......... si è commosso alla richiesta di UN APPARTAMENTO al "POVERETTO" Bertolaso e , senza alcun indugio, secondo la "DOTTRINA" di GESU' CRISTO , per carità..... gliel'ha subito concessa (Ci mancherebbe altro.... !) . E' un' "OPERA BUONA "....... da vero .... Cristiano. Per me , invece, oserei affermare che probabilmente è il CORRUTTORE e l'uomo politico è il CORROTTO anche coscienzioso. In precedenza ho scritto che la "CAMPANA" di Bertolaso suonava male..... ed ora suona anche molto male quella di questo Cardinale e cioè delVaticano. Conclusione : Le CASE di Propaganda Fide sono tutte occupate....... I VERI POVERETTI, debbono solo aspettare....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog