Cerca

De Gennaro rimette l'incarico, il Cdm respinge le dimissioni

Dopo la sentenza di colpevolezza, il Prefetto aveva deciso di lasciare. Dal Governo, però, "piena fiducia"

De Gennaro rimette l'incarico, il Cdm respinge le dimissioni
Piena e completa fiducia" a Gianni De Gennaro, dopo la condanna per i disordini del G8 di Genova. A confermarla "collegialmente" è stato il consiglio dei ministri questa mattina. Il capo del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza "aveva correttamente e con alto senso dello Stato messo a disposizione del Presidente del Consiglio il proprio incarico" ma "il Consiglio, manifestando vivo apprezzamento e plauso per il lavoro finora svolto, ha invitato il Prefetto De Gennaro a proseguire con lo stesso spirito e con lo stesso impegno nel suo incarico al vertice dei Servizi di Informazione e Sicurezza".

Già ieri il ministro dell’Interno Roberto Maroni e il ministro della Giustizia Angelino Alfano avevano espresso la loro stima e fiducia all’ex capo della polizia.

La condanna - Condannato a 1 anno e 4 mesi di reclusione per aver indotto alla falsa testimonianza l'ex questore di Genova Francesco Colucci. L'appello del processo sul G8 di Genova del 2001 ribalta la sentenza di primo grado: l'ex capo della Polizia e attuale capo del Dis, Gianni De Gennaro, è  giudicato colpevole e con lui anche Spartaco Mortola, ex capo della Digos di Genova e attuale vice questore vicario di Torino, condannato a 1 anno e 2 mesi. "Una sentenza sorprendente, andremo in Cassazione", l’unico commento dell’avvocato Carlo Biondi difensore del prefetto. I due imputati dovranno inoltre risarcire le tre parti civili costituite nel processo. "Senza parole" Mortola, che non ha voluto rilasciare altre dichiarazioni. Il suo difensore, Pier Giovanni Iunca,  ha invece annunciato il ricorso: "E' un fardello in più che ci porteremo in Cassazione. Sono sentenze che pesano. Questo è un problema personale e di carriera. Il mio assistito fa un lavoro che richiede una certa serenità d’animo. Ora leggeremo le motivazioni della sentenza e faremo ricorso in Cassazione". In primo grado, i giudici avevano assolto De Gennaro e Mortola con la motivazione che "non c'erano prove sufficienti di colpevolezza". Ora la condanna accoglie quasi interamente la richiesta del pm Pio Macchiavello, che era stata di 2 anni per De Gennaro e 1 anno e 4 mesi per Mortola. La sentenza arriva poche settimane dopo quella della corte d'appello che - in merito al caso dell'irruzione alla scuola Diaz - aveva visto condannare dopo 11 ore di camera di consiglio, 21 agenti e a quattro dirigenti della polizia, a 85 anni in totale, oltre all'interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Sembra sempre più che i fatti di Genova siano stati "colpa" della Polizia. Il pm Enrico Zucca che ha indagato sugli imputati si è limitato a dire: "Perché non pensare che la sentenza di primo grado non era giusta? L'appello serve anche a questo" .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • petergreci

    19 Giugno 2010 - 16:04

    Maroni con il suo fisico possente si mise per traverso, la sua resistenza alla Polizia di Stato fu commovente, maledetta Roma Ladrona! ! , (condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni di reclusione, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale), finì comunque in ospedale frattura al naso, fu una lotta impari. Comunque Maroni meglio di Bossi condannato a 8 mesi di reclusione (maxi-tangente Enimont); altra condanna definitiva sempre per Bossi per "istigazione a delinquere e oltraggio alla Bandiera"....iamme, iamme, iamme,iamme, semme e napule...

    Report

    Rispondi

  • TOSCANOROSSO

    19 Giugno 2010 - 16:04

    Forse è più costruttivo ragionare tra di noi, proponendo i rispettivi punti di vista e le possibili soluzioni. Ora che è tornato il mio maestro possiamo davvero aprire un dibattito sul futuro. Immagina che nel 2006 in Italia avevano creato i TOSCANO fans club in suo onore. Se continui a invischiarti in discussioni con pasquino, giorpai, fonty, degrelo e tutti gli altri finirai per essere contaminato dalla loro puzza. Si portano dietro una maledizione e, secondo me, portano anche ***. Lasciamo che le loro stesse scelte (se si può parlare di scelta per degli automi) li condannino. Un saluto. Fernando

    Report

    Rispondi

  • TOSCANOROSSO

    19 Giugno 2010 - 15:03

    Vorrei ben vedere che lo sgoverno non avesse dato piena fiducia a De Gennaro. Appena ti condannano diventi subito un elemento irrinunciabile per la destra italica. Un delinquente bisogna tenerselo bello stretto, sai quanti voti può portare? Ormai è un'equazione automatica (scusa Carlo se mi cimento sul tuo terreno): il popolo sovrano ama i delinquenti incravattati. Loro, che avrebbero voluto essere grandi truffatori, che avrebbero voluto ricevere mazzete, che avrebbero voluto potere e denaro e che invece hanno rimediato solo pedate nelle natiche, si identificano nei news criminal e li votano, e li difendono, ci andrebbero persino a letto insieme. De Gennaro santo subito!

    Report

    Rispondi

  • feltroni

    19 Giugno 2010 - 15:03

    Certo che voi del partito dell'amore non riuscite proprio a ragionare. Siete il prototipo dell'elettore del PDL. Ignorante, titolo di studio medio-basso, teledipendente, razzista, evasore fiscale, puttaniere. Pasquino ti riconosci in questa descrizione? Nel tuo caso aggiungerò bugiardo visto che spari un sacco di balle; la barca, il ragazzo con le stampelle etc. Ma quanto vino bevi? Per il mio lavoro, a te e a giorpai rispondo solo che solo due ottusi come voi pensano che in Mondadori lavorino solo autori e fattorini. Ma che ve lo dico a fare...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog