Cerca

Genova, tumulatori sciacalli: depradavano le salme

Arrestate 7 persone. Hanno agito indisturbati per anni sottraendo protesi dentarie, anelli e monili lasciati dai cari

Genova, tumulatori sciacalli: depradavano le salme
Orrore a Genova - Sette dipendenti comunali, quattro tumulatori e tre ispettori, sono stati denunciati dai carabinieri del comando provinciale di Genova per aver depradato per anni, i cadaveri riesumati, di protesi dentali e ortopediche. Ma non solo. Anche anelli e monili e oggetti lasciati loro addosso dai parenti. I reati contestati sono vilipendio di tombe, sottrazione, distruzione e soppressione di cadavere, peculato, furto di arredi di interesse storico ed artistico, con l'aggravante di essere stati commessi in un luogo di sepoltura.

I sette, tutti in servizio presso il cimitero monumentale di Staglieno, secondo i militari che hanno depositato presso la procura della Repubblica di Genova una dettagliata informativa, erano soliti rubare anche materiali pregiati, come marmi e arredi, nonché statue e fregi. Tutto era selezionato, stoccato e infine rivenduto. Le protesi dentali, se non erano d’oro, erano piazzate su un mercato nero di cui persino i carabinieri ignoravano l’esistenza. Dalle protesi ortopediche, gli "sciacalli" ricavavano le leghe pregiate ed il metallo raro, come il titanio, che riuscivano poi a rivendere senza problemi. La stessa fine faceva l’alluminio delle bare che venivano svuotate, pressate e rivendute a peso.

I militari avrebbero fotografato lo scambio di denaro e protesi, annettendo all’informativa anche un dossier fotografico. Un’altra fonte di guadagno proveniva, secondo i militari, dalla compressione nei loculi delle bare in zinco, senza attendere la mineralizzazione delle ossa come previsto dal regolamento. Così veniva ricavato un maggiore spazio, che dietro compensi "in nero" assicuravano ai parenti degli estinti desiderosi di trovare una sistemazione ai propri cari.

I cadaveri venivano violati all’interno della "sala lavori" del cimitero di Staglieno. Il materiale rimosso dalle salme veniva suddiviso in bacinelle e stoccato all’interno degli armadietti del personale. Secondole indagini dei militari le dentiere erano acquisite in blocco da un ex dipendente dei servizi cimiteriali del Comune. Questi si recava con la moglie nella zona di Staglieno, dove sono sepolti alcuni suoi parenti, e passava le buste contenenti denaro all’ex collega in cambio degli oggetti sottratti ai morti. Le protesi ortopediche, invece, seguivano un "iter" più complicato. Ogni impiegato del Comune conosceva personalmente singoli acquirenti. Talvolta passavano settimane prima che gli oggetti potessero essere venduti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    21 Giugno 2010 - 17:05

    Scommettiamo che anche per quelle bestie scatterà il soccorso dei sindacati come già successo a Linate e Malpensa per i ladri di valigie, beccati per ben due volte con le mani nel...nelle valigie? E poi anche l'amministrazione comunale è rossa, quindi...

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    21 Giugno 2010 - 16:04

    nemmeno la morte ci preserva da atti che definire da bestie, e le bestie vere mi scusino, sarebbe poco. Ora questi emeriti lavoratori dovrebbero, Brunetta dove sei?, essere buttati in mezzo ad una strada, sempre dopo alcuni anni di galera....vera. Non avere il senso della pietà, che la morte rende a tutti e che dovrebbe preservare, i morti, da atti che purtroppo li vede vittime inerti, fa solo rabbia. Non mi importa assolutamente che siano impiegati pubblici, privati di una cooperativa, devono solamente essere puniti. Spogliare dei resti umani di quel poco che gli era rimasto.....un gioiello lasciato magari dai parenti perchè comunque solo suo, denti d'oro, protesi e altro, fa solo schifo. Peccato che non esista il carcere sottoterra....li avrei chiusi volentieri. p.s. la cosa che rende il tutto perfettamente tragico, è l'OMERTA' dei colleghi....che non hanno avuto il coraggio di dire una parola nei loro confronti! bell'esempio di onestà intellettuale! Italietta

    Report

    Rispondi

  • ovidioeduardomonaco

    21 Giugno 2010 - 10:10

    Parliamo dei "servitori dello Stato" di "pubblici dipendenti"-. Se si deve avere pietà per chi "ruba" per mangiare, non altrettanta pietà si può avere per questi "signori Ladri"; questi e quelli come loro, vanno cacciati via a pedate , senza liquidazione e senza pensione alcuna e venissero poi i signori sindacalisti a proteggerli. Fuori i ladri da qualsiasi "servizio pubblico"!!!!!!!! Grazie dell'ospitalità-. Ovidio

    Report

    Rispondi

  • beppazzo

    20 Giugno 2010 - 22:10

    Un comune che tollera e giustifica uno scempio simile merita finire in un forno crenatorio sindachessa ed altri amen

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog