Cerca

Saviano morto ammazzato su Max

Lo scrittore: "Un'immagine di cattivo gusto utilizzata per speculare cinicamente sulla condizione di chi vive protetto"

Saviano morto ammazzato su Max
"Hanno ammazzato Saviano". Queste parole e un piccolo testo esplicativo corredano la foto di un Roberto Saviano martirizzato che occupa le prime due pagine di Max. Il periodico, in edicola venerdì, è destinato a far discutere sostenitori e oppositori dell'autore di Gomorra e a sollevare polemiche e obiezioni. L'immagine non è altro che un fotomontaggio firmato dallo specialista Gian Paolo Tomasi, un'elaborazione con Photoshop di grande effetto, a metà tra il Cristo del Mantegna e il cadavere di Che Guevara. Saviano è disteso su un lettino da obitorio con i ferri che gli sostengono la testa e un cartellino di identificazione appeso al piede.

Il messaggio è chiaro. Andrea Rossi, direttore della testata, spiega che non si può andare avanti con le critiche e le accuse contro lo scrittore che ha denunciato la camorra e, come riportarto dalla Stampa, protesta: "Ma insomma qual è il problema, la camorra o Saviano che la camorra la combatte? Mi pare che il gioco che si profila sia quello della delegittimazione: svalutate ciò che dice per isolarlo, poi se arriva quello che lo fa fuori...". I mandanti "tutti possono immaginarseli".

Pornografia - Le reazioni non si fanno attendere. Scrive Martinetti sulla Stampa: "C'è qualcosa di ignobile e di pornografico in questa operazione della rivista Max, in genere più avvezza ai modelli di Dolce&Gabbana che agli eroi dell'Italia civile: l'ipocrisia sbattuta in prima pagina. Uccidere Saviano per denunciare chi lo minaccia? Ma va là: le immagini, come le parole, sono pallottole, il pallore cadaverico applicato con il trucco del photoshop sul volto dolente di quel ragazzo rappresentante dell'Italia perbene è una volgare messinscena finalizzata in fin dei conti non a discutere, ma a vendere copie. Pubblicità, sulla pelle di una persona che la pelle se la gioca davvero".
Libero-news.itLibero-news.it

Tutta questa pressione sulla mia morte, poi, lascia sgomento me e la mia famiglia. Ad ogni modo rassicuro tutti: non ho alcuna intenzione di morire



La replica di Saviano - Ma la condanna più dura a quella da molti vista come "un'operazione pubblicitaria", arriva dal soggetto del discusso fotomontaggio, Roberto Saviano: "Lo trovo di cattivo gusto. Un'immagine utilizzata per speculare cinicamente sulla condizione di chi come me in Italia e all'estero vive protetto. Un'immagine profondamente irrispettosa per tutti coloro che per diversi motivi, spesso lontano dai riflettori, rischiano la vita. Tutta questa pressione sulla mia morte, poi, lascia sgomento me e la mia famiglia. Ad ogni modo rassicuro tutti: non ho alcuna intenzione di morire".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ercole.bravi

    25 Giugno 2010 - 18:06

    trovo la copertina una geniale trovata. Che ci sia poi qualcuno che pensa che criticare la foto, significhi fiancheggiare la camorra ha dei grossi problemi di misura e valutazione. una copertina in quanto tale è soggetta a critiche, altrimenti la guardano in due che vanno d'amore e d'accordo e si complimentano a vicenda. detto questo, Saviano è una persona normale che ha detto con clamore maggiore e guadagni maggiori, ciò che molti giornalisti hanno denunciato sul campo e son morti nel frattempo, mentre Saviano si ritrova a vivere sotto scorta, che devo ammettere non è una bella vita, ma almeno è vivo. Le scelte di campo costano sempre dei sacrifici, ma una persona che fa il suo dovere di cittadino è solo una persona, non un santo nè un eroe.

    Report

    Rispondi

  • Nina

    25 Giugno 2010 - 10:10

    Sarà anche di cattivo gusto quest'mmagine, anzi lo è sicuramente.....ma Saviano è soltanto uno che ci marcia, trovando ovviamente solidarietà ed approvazione dalla sinistra....ma quelli poveretti si attaccano a tutto!!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • isabella guarini

    24 Giugno 2010 - 11:11

    Sub limine, il fotomontaggio di Saviano morto evoca il Cristio morto del Mantegna che riprende il Cristo di scorcio con i piedi in primo piano verso l'osservatore e con i genitali al centro della composizione, simbolo della vita che continua nonostante la morte. Orsù, non esageriamo! Si tratta di una sottile satira per l'eccesso di esposizione dello scrittore di camorra!

    Report

    Rispondi

  • astice2009

    24 Giugno 2010 - 10:10

    Noto nei commenti parecchi fiancheggiatoridella camorra, che dicono : "pazienza" , "profittatore" , " si manda da solo i proiettili" etc.etc....bravi continuate cosi' a favorire la camorra....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog