Cerca

Scuola a ottobre. La Gelmini non boccia l'idea

Nell'intervista al TG1 il ministro rilancia. "Solo per certe regioni con esigenze particolari"

Scuola a ottobre. La Gelmini non boccia l'idea

Si era smesso di parlarne quando si è assistito a una levata di scudi contrari alla proposta.
Tuttavia il Ministro dell’Istruzione Maria Stella Gelmini non ha affatto accantonato l’idea di far iniziare la scuola a ottobre, anche se solo per “certe regioni con determinate esigenze”.

Tiro corretto – Durante un’intervista al sito del Tg1, la Gelmini blocca sul nascere le polemiche sorte dopo la sua proposta.
“L’avvio generalizzato dell’anno scolastico ad ottobre non è stato mai preso in considerazione”, spiega il ministro.
“Si tratta invece di intercettare le esigenze di alcune regioni e al limite andare incontro a questi bisogni. In tal senso, si possono trovare delle soluzioni che prevedano il posticipo delle lezioni solo a livello locale”.

La proposta – La querelle sull’inizio della scuola era iniziata a fine maggio, quando il senatore del Pdl Giorgio Rosario Costa aveva presentato un ddl composto da un solo articolo: posticipare l’inizio delle lezioni al 30 settembre, così come avveniva, tra l’altro, negli anni ’60.
Basta segnalare che il senatore Costa proviene dalla regione Puglia per capire il senso della sua proposta: posticipare il più possibile la fine della stagione balneare, attraendo così più turisti.
Ed è questo il distinguo su cui Maria Stella Gelmini rifletterà nei prossimi mesi. Una riapertura posticipata delle scuole per le regioni con maggiore impatto turistico, infatti, sembra essere una strada percorribile.

Problemi – Innanzitutto contro il ddl di Costa si è schierata compatta la Lega che, oltre a ritenere sconveniente la proposta, difende la competenza regionale a fissare il calendario scolastico. Inoltre c’è da tenere in considerazione le normative europee, le quali prevedono un minimo di 200 giorni di scuola all’anno: tra vacanze, ponti, festività e possibili rinvii nell’apertura, il limite minimo non è poi così lontano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sentinella f

    30 Giugno 2010 - 17:05

    Indietro non si torna, preferirei che la scuola fosse organizzata per i ragazzi, ridurre la settimana, il sabato libero, per incrementare altri interessi personali e famigliari, proporre corsi di recupero, non solo su carta, altrimenti i ragazzi perdono solo tempo. L'inverno, prolungare di una settimana le ferie di Natale e posticipare la chiusura per ferie estive. Inserire attività manuali, sportive, di management domestico, anche insegnare a fare l'orto. La possibilità di decidere con la propria famiglia una settimana di ferie, non tutti fanno gli insegnanti e sono liberi per il lungo periodo estivo e festivi vari.

    Report

    Rispondi

blog