Cerca

Vittorio Emanuele: inchiesta gioco d'azzardo, chiesto rinvio a giudizio

Il Gup deciderà il prossimo 14 luglio. Nella vicenda sembrano essere coinvolte altre cinque persone.

Vittorio Emanuele: inchiesta gioco d'azzardo, chiesto rinvio a giudizio
Chiesto il rinvio a giudizio - Sembra che a partire dal 2004 abbiano messo in piedi un’associazione a delinquere «impegnata nel settore del gioco d'azzardo fuori legge attiva nel mercato illegale dei nulla osta per videopoker procurati e rilasciati dai Monopoli di Stato attraverso il sistematico ricorso allo strumento della corruzione e del falso». È questa l'accusa secondo cui il pm di Roma, Andrea De Gasperis, ha chiesto il processo per Vittorio Emanuele di Savoia e per altre cinque persone: Rocco Migliardi Nunzio Laganà, suo stretto collaboratore, Ugo Bonazza, Gian Nicolino Narducci e Achille De Luca, ritenuti gli organizzatori della “holding del malaffare”. Il prossimo 14 luglio sarà il gup, Marina Finiti a pronunciarsi sui rinvii a giudizio sollecitati dalla procura.

Vittorio Emanuele, per questa vicenda, è stato arrestato il 16 giugno del 2006. Lui si è sempre dichiarato estraneo ai fatti ma è rimasto in carcere una settimana. Ma c’è di più. Secondo l'accusa, l'associazione era dedita «anche al riciclaggio di denaro proveniente da attività illecita tramite l'instaurazione di relazione con Casinò autorizzati, a cominciare da quello di Campione d'Italia con cui Savoia e altri imputati avevano “instaurato un rapporto stabile che prevedeva l'impegno di coinvolgere, con l'evidente finalità di farli giocare, facoltosi personaggi siciliani, suoi amici”. Uomo chiave in questa attività era Rocco Migliardi, soggetto legato alla criminalità organizzata. Questo stando al capo di imputazione.

Si tratta di un filone dell'indagine "Savoiagate", nata a Potenza nel 2006 e condotta dal pm Henry John Woodcock, poi trasferita a Roma lo scorso febbraio quando lo stesso tribunale lucano dichiarò la propria incompetenza territoriale accogliendo un'istanza della difesa del principe. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • jongingiullo

    26 Giugno 2010 - 16:04

    Se già una volta se l'è cavata da un'accusa di omicidio, (aveva premuto il grilletto di un fucile che era li per caso), figuriamoci cos'è per lui una accusa di questo tipo. Dai principe vai tranquillo, sali sulla barca e di notte quando tutti dormono e nessuno vede, alza le vele e vai .....vai....vai il piu lontano possibile e non ti voltare anzi non tornare più, che la tua dinastia quì da noi dei danni ne ha gia fatti che stiamo bene per un tot. Filiberto lo teniamo volentieri e te lo badiamo noi.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    26 Giugno 2010 - 15:03

    Si dovrebbe soltanto vergognare.

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    26 Giugno 2010 - 13:01

    FORZA SAVOIA, FORZA SAVOIA, FORZA SAVOIA. DAI CHE LI PRENDI UN PO'< PER I CIAP. I comunistini ti hanno portato via l'Italia con i brogli e sono pronti a mandarti in galera. Tieni duro, che un po' a te, ma poi Molto a loro ahahahahah dai Komunistini

    Report

    Rispondi

  • fdrebin

    25 Giugno 2010 - 23:11

    Processo INAIL: la maggior parte degli imputati hanno confessato, patteggiato e restituito 2 milioni di euri. Tangenti Total: l'on. Margiotta del PD ha ottenuto l'immunita' dai suoi compari. I dirigenti della Total invece li hanno arrestati per averlo corrotto. Gasparri (diffamazione a Woodcock): immunita' votata dalla camera. Fabrizio corona: mi risulta condannato un paio di volte, anche se non ancora con sentenza definitiva. Vallettopoli: Gargano, ex assessore regione Lazio: inchiesta trasferita a Roma e condannato per corruzione l'anno scorso. Salvo Sottile condannato a 8 mesi l'ìanno scorso per peculato: accompagnava la Gregoraci con l'auto blu. Tangenti Eni-Agip: prescritto

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog