Cerca

Primario muore a fine turno, dopo 11 ore di intervento

La vittima è Filippo Minieri, Primario della chirurgia endovascolare al Cardarelli di Napoli. E' morte bianca. E gli infermieri insorgono

Primario muore a fine turno, dopo 11 ore di intervento
Avverte un malore e muore in corsia, dopo 11 lunghe ore di lavoro. E' quanto accaduto all' ospedale Cardarelli di Napoli.
Ed è morto così Filippo Minieri, Primario del reparto di chirurgia endovascolare del presidio sanitario.
"Arresto cardiocircolatorio" è la causa del decesso, indicata nel referto medico.

Minieri ha operato per undici ore di fila e, una volta terminato il proprio lavoro, ha accusato un malore che gli è riusultato fatale. Il Primario non si è infatti mai più ripreso.
La salma dell'uomo è stata trasferita in giornata al Policlinico per effettuare l'autopsia disposta dall'autorità giudiziaria.

E la tragedia, oltre a lasciare sgomenti i colleghi dell'Opsedale, ha suscitato la "rivolta" dei medici e infermieri che, arrabbiati per una "tale ingiustizia", hanno denunciato la mole di lavoro alla quale sono sottoposti i dottori.
Il Presidente dell'Ordine dei Medici di Napoli, Gabriele Peperoni, ha infatti sottolineato come "la morte di Filippo Minieri non può lasciare indifferenti. E'assolutamente necessario rivedere i carichi di lavoro dei medici per evitare ulteriori tragedie".
Dello stesso parere sono i numerosi infermieri che sono così esplosi: "Accumuliamo ore e ore di lavoro, sono turni veramente massacranti e la gente lo deve proprio sapere. Non si può lavorare a ritmi così sostenuti, sempre sotto stress. Sono necessarie forze fresche e chi ha ruoli di responsabilità deve tenerne conto".

E la sentenza dell'Ordine dei medici è chiara: si tratta di una morte bianca. Le sigle sindacali sono corse all'attacco, parlando di "mattanza" all'ospedale Cardarelli, ricordando anche il caso di un'altra morte bianca di un infermiere, sempre per circostanze analoghe.



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blackmaya76

    31 Agosto 2014 - 16:04

    Mio marito fa il pasticcere e lavora anche 15 ore al giorno, per evitare di chiudere l' attività come purtroppo è successo a molti a Messina, turni massacranti notte e giorno davanti a forni e rimanendo in piedi tutto il tempo, braccia e spalle distrutte dal lavoro artigianale, mani logorate dall' impastare e nessun gg di chiusura..... questa è l' Italia... ancor più la Sicilia....

    Report

    Rispondi

    • tommyforin

      03 Settembre 2015 - 23:11

      e ha le stesse responsabilità di un chirurgo vero? sono convinto che 15 ore di pasticcini siano più stressanti di 11 ore di intervento..già già -.-

      Report

      Rispondi

  • kikiposta

    30 Agosto 2014 - 22:10

    A prescindere dalla condizione di tutti i lavoratori italiani.. ma è morto per 11 ore di intervento o perchè soffriva di cuore? E' come sfruttare la morte di un lavoratore per cause che si sarebbero verificate in qualsiasi momento.. a prescindere dal lavoro estenuante. 11 ore di intervento per un chirurgo è una rarità che capita nei casi difficili... non puoi mica andartene a meta' operazione

    Report

    Rispondi

    • mapiface

      31 Agosto 2014 - 16:04

      11 ore di interventi (non uno singolo, almeno mi pare di aver capito dall'articolo) sono solo una delle tante sfaccettature del lavoro estenuante a cui medici e personale sanitario. Inoltre che, per un chirurgo che opera molto, 10 ore al giorno sono tutt'altro che una rarità.

      Report

      Rispondi

  • fabrizio.lirlandante

    30 Agosto 2014 - 14:02

    La sua morte, non può lasciare indifferenti? Beh, lo farà, lo farà... Lo farà come lo fa e lo faranno tutte le altre brutture a venire della nostra società neo-medioevale... Questa è L' Italia, disperatamente, cronicamente ed endemicamente sempre se stessa che ormai strisciando annaspa verso il precipizio.

    Report

    Rispondi

  • Oskar2

    28 Agosto 2014 - 16:04

    Mentre il primario a Napoli muore dopo aver effettuato su un paziente,un intervento di 11 ore,in Sicilia ci si può permettere di pagare un medico per 9 anni avendo lavorato solo 2 settimane.Ma chè leggi abbiamo in Italia? È inaudito.

    Report

    Rispondi

blog