Cerca

Si profila un maxi sciopero dell'Università

Un centinaio di docenti firmano il documento. Ipotizzate la sospensione delle sessioni di esami e di laurea

Si profila un maxi sciopero dell'Università
Penalizzare e danneggiare gravemente la risorsa principale degli atenei (ossia gli studenti) pur di manifestare il proprio dissenso contro la riforma Gelmini e i tagli previsti in Finanziaria.
Questo il paradosso estivo che si prospetta nell’Università italiana: un centinaio di professori di atenei di tutta Italia ha infatti proposto uno sciopero di tutto il personale docente per “reagire” nei confronti delle misure prese in questo ultimo anno dal Governo Berlusconi.
Non una manifestazione che farà saltare qualche ora di lezione: quello che si prospetta è uno sciopero totale che potrebbe comportare anche la sospensione delle sessioni di esami e di laurea e, addirittura, il rinvio dell'inizio delle lezioni. Un gran brutto affare per chi ha già pronta la tesi di laurea (e chi ha preso quel titolo sa che sono più complicate le scadenze burocratiche che precedono la discussione che non la discussione stessa) e per chi sta lottando contro il tempo per non finire fuori corso.

A proporre il gigantesco “incrocio di braccia” sono stati, in un lungo documento diffuso dal professor Massimo Siclari di Roma tre, circa cento docenti, tra cui anche Gianni Vattimo e Gustavo Zagrebelsky.
 “Assurdo non riconoscere che le responsabilità dei mali dell'università coinvolgono non solo il corpo docente ma vanno imputate anche, e in misura non minore, ai vari dicasteri preposti all'università nell'ultimo ventennio”, si legge nel testo distribuito.
I motivi della polemica sono sempre gli stessi: mancanza di investimenti (o se ci sono, malamente elargiti), tagli indiscriminati e un accanimento nei confronti della categoria insegnanti e del personale tecnico-amministrativo che ricalca quello che sta colpendo, a loro modo di vedere, anche i magistrati.

I firmatari del documento fanno notare come l'Italia “è forse l'unico paese in Europa che abbia incanalato tutte o quasi tutte le risorse della ricerca nell'Università” e “questo significa che il tracollo dell'Università produrrebbe il totale tracollo della ricerca italiana, che non può contare su istituzioni come la Max Planck Gesellschaft tedesca o il Cnrs francese. È ben evidente che i tagli sugli stipendi produrranno l'effetto contrario: la ricerca di compensazioni economiche e d'immagine al di fuori dell'università e l'inclinazione a fare il minimo indispensabile”.
Per gli insegnanti, invece, la soluzione è un’altra. “C'è modo di procedere diversamente, aumentando semmai finanziamenti da sempre largamente insufficienti, con una distribuzione delle risorse fondata soprattutto sul merito scientifico, con un'incentivazione anche economica che faccia riferimento a questi parametri. Occorre dunque spendere per valutare e per valutare bene. Con gli attuali criteri si ottengono valutazioni ancora troppo vaghe”.
Viste le premesse, l’invito dei firmatari è quello di “farsi classe generale e assumere su di sé la responsabilità per il futuro di tutto il mondo universitario, compresi, s'intende, il personale tecnico amministrativo e gli studenti, reagendo contro i tagli”.
La cosa curiosa è che, se questo sciopero dovesse concretizzarsi, a pagare saranno proprio i loro cari e amati studenti. Ma se serve per protestare contro la Gelmini…

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • raziel8587

    30 Giugno 2010 - 20:08

    Sempre più deluso dall'ipocrisia di alcuni ricercatori e da chi vuole sempre e solo salvaguardare i propri interessi. Non sto parlando (per fortuna) della maggior parte dei ricercatori che hanno sospeso TOTALMENTE gli appelli di Luglio con il totale appoggio degli studenti. Coloro a cui mi riferisco (i ricercatori della facoltà di farmacia della Federico II di Napoli) non solo hanno sospeso gli appelli per 5 giorni (il senso di tale sospensione proprio non lo capisco), ma hanno anche preso in giro gli studenti suscitando la loro rabbia. Fino a quando non si comprenderà che studenti, ricercatori e docenti devono allearsi per ottenere qualcosa nessun cambiamento sarà possibile

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    30 Giugno 2010 - 17:05

    Sono un 50 enne che per hobby frequenta l'università, in una facoltà affatto facile. Durante la mia partecipazione alla vita universitaria, ne vedo di tutti i colori. Ragazzi che parlano parlano e dopo ripetono un 'esame 3/4 volte, ragazzi che si addormentano in aula il lunedì perchè ci sono delle lezioni che iniziano alle 08,30. Vedo delle cose che se io mi fossi permesso farle nelle scula superiore che ho frequentato, il preside mi avrebbe preso a calci in culo, a ragion veduta. Scuola che in quel tempo usciva il 6/8% degli alunni senza mai essere bocciato. Vorrei vedere questi rammolliti di oggi affrontare qulle cose. Ora per trovare scappatoie dicono che mancano soldi all'università. Dico semplicemente questo: se tutte le università d'Italia avessero una quantità a di soldi a disposizione immensa, la stupidità e l'ignoranza di molti professori e molti alunni non cambierebbe, e vorrei dire che questa raggiunge ben il 70%.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    29 Giugno 2010 - 21:09

    Bravi studenti, sosteneteli e ritarderete le vostre lauree, però poco importa perchè quasi tutti voi siete destinati alla disoccupazione comunque.

    Report

    Rispondi

  • elisa2137

    29 Giugno 2010 - 19:07

    vorrei sapere perchè questa cosa non è pubblicizzata come dovrebbe?...perchè i telegiornali e i giornali non ne danno notizia...se c'è da parlare di nazionale, di politici con veline al seguito c'è una VASTISSIMA informazione e invece di un tema come questo, il nulla!!! domani alle ore 15:30 alla facoltà di farmacia di napoli, federico II è indetta un'assemblea tra docenti, ricercatori e studenti per decidere il da farsi, sarebbe un'ottima cosa se ci fosse almeno un giornalista pronto poi a scrivere un articolo e a diffondere questa cosa che sicuramente è di interesse nazionale(non l'assemblea in sè ma il decreto della Gelmini).

    Report

    Rispondi

blog