Cerca

Violentata in pieno giorno a Firenze, soccorsa da un senegalese

L'aggressore rumeno è stato immobilizzato dallo straniero e poi arrestato. La donna è ricoverata sotto shock

Violentata in pieno giorno a Firenze, soccorsa da un senegalese
E' stata violentata sotto un ponte di Firenze, in pieno giorno, da un rumeno. Protagonista del triste episodio una donna sulla quarantina, senza documenti, che sostiene di chiamarsi Ilenia e di arrivare da Los Angeles. L’episodio è accaduto intorno alle 14:30 quando un autista senegalese passando dal Ponte alla Vittoria ha sentito le grida. Sporgendosi ha visto l'uomo strattonare la donna e ha chiamato il 113.

Secondo una prima ricostruzione, in attesa che arrivassero la polizia e i soccorsi, il senegalese avrebbe immobilizzato l'aggressore impedendogli di portare a termine lo stupro.

Il romeno, 55 anni, ha a suo carico un provvedimento di espulsione e numerosi precedenti per furto. La donna è attualmente ricoverata all’ospedale Careggi di Firenze essendo ancora sotto shock.

Il questore si è complimentato con il cittadino senegalese, per il senso civico dimostrato, sottolineando come "l'integrazione di tutte le risorse sane della città continua a rivelarsi preziosa per elevare gli standard di sicurezza".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    09 Luglio 2010 - 00:12

    Attenzione voi del blog a non insultare troppo aspramente quello sporco individuo (il rumeno) perchè potreste passare dei guai con i soliti buonisti buontemponi di "nessuno tocchi caino", potrebbero anche denunciarvi per razzismo i buontemponi (o meglio perditempo.

    Report

    Rispondi

  • mab

    08 Luglio 2010 - 15:03

    Chi è responsabile dovrebbe essere punito con gli stessi anni di carcere di quel sudicio essere romeno, ma già nel belpaese nessuno è mai responsabile.

    Report

    Rispondi

  • p.giorgio

    07 Luglio 2010 - 23:11

    Avevo dimenticato una cosa: 5 anni di galera, da essere scontata tutta, anche nelle carceri a 5 stelle italiane, per i colpevoli amministrativi e/o giudiziari, che non hanno potuto, per colpe altrui, quindi si debbono cercare i correi, da essere egualmente puniti, o voluto, per colpe proprie, eseguire il mandato di espulsione. Inoltre, sempre per gli stessi, ammenda di 100.000 euro ed esclusione perpetua dai pubblici uffici. Sarà la volta che qualcuno applicherà le leggi dello Stato??

    Report

    Rispondi

  • p.giorgio

    07 Luglio 2010 - 22:10

    Medaglia al valore umano (e se non c'è si istituisca), permesso di soggiorno e lavoro, se non li ha ancora, per il senegale, 20 anni da essere scontati tutti, ma nelle patrie prigioni, per il rumeno.

    Report

    Rispondi

blog