Cerca

Lunedì nero per bus e treni

Il trasporto pubblico si ferma

Lunedì nero per bus e treni
 Ancora giorni di caos nel settore del trasporto pubblico. Domenica 9 novembre tocca ai treni, lunedì a tram, metropolitana e autobus. La protesta di 24 ore, indetta da Filt-Cgil, Fit-Cisl, UilTrasporti, UglTrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast, è legata alla vertenza per il nuovo contratto unico della mobilità per gli addetti al trasporto locale e ferroviario e ai servizi. Saranno, comunque, garantiti i treni a lunga percorrenza e i servizi minimi del trasporto locale nelle fasce orarie di maggiore frequentazione (dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21) previsti dalla legge.
Ferrovie dello Stato invita i viaggiatori ad informarsi sulal circolazione dei treni, sia nazionali sia internazionali tramite i punti informativi e negli uffici di assistenza delle principali stazioni o telefonando al numero verde gratuito 800.892.021, attivo fino alle 23 di lunedì 10 novembre o ancora consultando il sito web www.ferroviedellostato.it.
Autobus, metropolitane e tram si fermeranno con modalità diverse città per città. Di seguito le modalità di stop:
Roma, dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio.
Milano, dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 a fine servizio.
Napoli, dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio.
Torino, dalle 9 alle 12 e dalle 15 a fine servizio.
Firenze, dalle 9,15 alle 11,45 e dalle 15,15 a fine servizio.
Genova, dalle 9,30 alle 17 e dalle 21 a fine servizio.
Bologna, dalle 8,30 alle 16,30 e dalle 19,30 a fine servizio.
Bari, dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 15,30 a fine servizio.
Palermo dalle 8,30 alle 17,30 e dalle 21,30 a fine servizio.
Cagliari dalle 9,30 alle 12,45, dalle 14,45 alle 18,30 e dalle 20,30 a fine servizio.
Venezia-Mestre, dalle 9 alle 16,30 e dalle 19,30 a fine servizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gagliano

    09 Novembre 2008 - 12:12

    A distanza di pochi giorni dallo sciopero dei docenti segue quello dei trasporti e,ancora una volta,la capillare ramificazione dei sindacati nei gangli vitali del nostro paese costituisce una sfida permanente alla stabilita' politica deòòa nostra societa' civile portandoci verso una deriva plebiscitaria nella quale la Cgil riveste un ruolo determinante. Gagliano Giuseppe-Como

    Report

    Rispondi

blog