Cerca

Maxi blitz contro i Casalesi:17 arresti. Nell'ordinanza c'è anche il nome di Cosentino

Sequestri per 1 miliardo di euro. Coinvolto anche un ex consigliere regionale Udeur e il prefetto di Frosinone

Maxi blitz contro i Casalesi:17 arresti. Nell'ordinanza c'è anche il nome di Cosentino
Maxi blitz delle forze dell'ordine contro il clan camorristico dei Casalesi. L'operazione, condotta dai Carabinieri di Napoli, prevede 17 ordinanze di custodia cautelare e decreti di sequestro di beni per un valore stimato di 1 miliardo di euro. I provvedimenti sono stati emessi su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. Tra i destinatari del le ordinanze di custodia, compaiono anche i latitanti Antonio Iovine e Nicola Schiavone, figlio del boss Francesco Schiavone, soprannominato "Sandokan".

Tra le accuse, a vario titolo, ci sono quelle di associazione mafiosa, riciclaggio e turbativa d’asta. I sequestri riguardano imprese, complessi turistici, appartamenti e terreni. Le indagini hanno inoltre permesso di evidenziare una ramificata infiltrazione della camorra nel sistema degli appalti pubblici nel Casertano. Nell'inchiesta, coordinata dalla Dda, è indagato anche il Prefetto di Frosinone, Paolino Maddaloni. I pm, Antonello Ardituro e Marco Del Gaudio, ne avevano già chiesto l'arresto, ma il Gip, Vincenzo Alabiso aveva respinto la richiesta. Maddaloni è accusato di turbativa d'asta e l'appalto è quello delle centraline per il monitoraggio della qualità dell'aria, a Caserta.

Cosentino e i legami con Schiavone - Nell'ordinanza del gip Vincenzo Alabiso compare anche il nome del sottosegretario all'Economia Nicola Cosentino. In base alle dichiarazioni del pentito Raffaele Piccolo, "anche Cosentino è stato favorito dal gruppo Schiavone. Cosentino infatti è titolare di una impresa di commercializzazione del gas. Io so che Cosentino era favorito perchè spesso, quale forma di estorsione nei confronti degli imprenditori, procedevano a dei cambi di assegni che portavamo agli imprenditori; soltanto alcuni assegni, però, potevano essere portati da Nicola Cosentino, ossia quelli per esempio dei soggetti apicali del clan come Nicola Panaro o Nicola Schiavone. Voglio specificare che spesso, quando avevamo a che fare per le estorsioni con imprese più importanti, come ad esempio Statuto di Caserta, onde evitare rapporti tra noi affiliati e l'imprenditore, le estorsioni venivano pagate in assegni a Iorio (Salvatore Iorio, attivo nel settore del calcestruzzo e arrestato oggi, ndr), quello del calcestruzzo, il quale poi versava tali assegni a noi". «

Le accuse a Ferraro - Nicola Ferraro, ex consigliere regionale dell’Udeur, già coinvolto in altre due inchieste, è stato arrestato con l’accusa di associazione camorristica. È infatti incolpato di essersi accordato, nella doppia veste di imprenditore nel settore dei rifiuti ed esponente politico di rilievo regionale, con gli esponenti apicali delle associazioni criminali, egemoni nel Casertano e, in particolare, con i reggenti dei gruppi Schiavone e Bidognetti. Nello specifico l’ex consigliere regionale avrebbe ricevuto sostegno elettorale e, assieme al fratello Luigi, a sua volta arrestato, un appoggio risultato decisamente determinante per l’affermazione delle loro aziende. E, per ricambiare il favore, avrebbero quindi prestato la loro opera al clan dei casalesi".
Ferraro, inoltre, sempre con l’aiuto del fratello, avrebbe stretto un accordo con Luigi Guida, reggente del clan Bidognetti,  ponendosi come intermediari tra gli esponenti degli enti locali, sui quali l’ex consigliere dell' "Udeur" aveva influenza politica - Castelvolturno, Villa Literno, Lusciano, e l’organizzazione camorristica per influire sull’attribuzione degli appalti a imprenditori di comodo e sul pagamento delle somme estorsive al clan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • digimi

    13 Luglio 2010 - 16:04

    kominista in redazione..BELPIETROO CACCIALI9 A CALCI NEL CULOOOOOOOOOO

    Report

    Rispondi

  • digimi

    13 Luglio 2010 - 16:04

    E LA MAGISTRATURA A NAPOLI COSA FA'???' mha!!!! c'è da dire che circa sette anni fa venne sostituito il procuratore generale con il DR CORDOVA il quale appena insediato rilasciò un comunicato alla stampa in cui faceva riferimento alle poche ore che i suoi sostituti dedicavano al lavoro... statale...Bene, dopo circa sei mesi i suoi sotituti fecero un esposto al CSM per INCOMPATIBILITA' DEL PROCURATORE GENERALE... Cordova venne trasferito...... e voi cosa andate cianciando??? informatevi prima di sentenziare.!!!!! P.S. Ricordate , per caso, il terremoto irpinia anni 80??? furono stanziati 50.000 miliardi ( 25 miliardi di euro) E De MIta unitamente all'assessore CIrillo del comune di Napoli ebbe la "grazia" di maneggiare il malloppo.... poi intervennerole Brigate rosse col sequestro cirillo..eppoi..eppoi.. NULLAAA:.....Ricostruzione, ZERO,- 50.000 miliardi, ZERO------- e la sinistra sta goverando NAPOLI e Campania da oltre trent'anni. tranne oggi che c'è giunta regionale di destra.

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    12 Luglio 2010 - 16:04

    non c'e' nessuno che si salva, li si, il piu' pulito ha la rogna. Sempre li, vanno a pescare e sono pieni come laghi, basta calare la rete e tiri su la peggior feccia. Quelli che abbiamo al nord, sono importati. Certo che lo stron** di vendola o ventola? vuole staccarsi dall'Italia, MAGARI, il numero si assottiglierebbe, ma e' una UTOPIA. Peccato.

    Report

    Rispondi

  • Viking

    12 Luglio 2010 - 12:12

    Leggendo questi articoli mi viene sempre più da dire una cosa: ogni giorno si sente quotidianamente di questi maxi-arresti... ma tutto il sud Italia è immischiato nella mafia-camorra-organizzaqzioni criminali? Perchè non passa giorno senza notizia di un maxi-arresto, quindi i casi sono due: o sono sempre gli stessi che vengono arrestati, liberati e poi di nuovo arrestati, o è proprio vero che nel meridione non c'è una mela sana che si salva....

    Report

    Rispondi

blog