Cerca

Lieve scossa di terremoto a L'Aquila

Sisma di magnitudo 2.3 tra il capoluogo e Rieti, nessun danno

Lieve scossa di terremoto a L'Aquila
Si è sentito appena, ma dalle parti de L'Aquila un leggero tremore delle cristallerie in casa è abbastanza per scatenare il panico. Un terremoto di magnitudo 2.3 è stato registrato dai sismografi stamattina poco dopo le nove. Le popolazioni interessate sono quelle tra L'Aquila e la provincia di Rieti. Le località più vicinde all’epicentro sono Montereale, Barete, Capitignano, Cagnano Amiterno (L'Aquila), Borbona e Posta (Rieti). Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile, non risultano danni a persone o abitazioni. Secondo i rilievi registrati dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia l’evento sismico si è verificato alle ore 09:13 con magnitudo 2.3.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • isabella guarini

    15 Luglio 2010 - 10:10

    La ricostruzione del Centro storico dell'Aquila non può essere immediata perché si rischia che i danni si riproducano mentre si riparano, a causa dello sciame che può durare molti mesi ancora. Perciò la protesta degli abitanti strumentale a contrastare il Governo . Dopo aver vissuto ben due terremoti in Campania, 1962/1980, non ricordo che vi siano state manifestazioni così spettacolari dei terremotati , come quella che si è tenuta a Roma con in testa il Sindaco Cialente.Essendo nata nella terra più ballerina d'Italia, ricordo che mio padre era nato durante il terremoto del 1908, poi nel 1930 molti abitanti emigrarono a causa del terremoto e non hanno fatto più ritorno, come quelli del 1962. Eppure abbiamo abitato sempre nella stessa casa antica. Restano ancora del 1930 le casette antisismiche in mattori rossi, usate a rotazione in attesa dlle case popolari. Per difendersi dal terremoto bisogna saper costruire!

    Report

    Rispondi

  • gicchio38

    15 Luglio 2010 - 08:08

    Iddio non voglia altrimenti gli aquilani sono già pronti con le carriole a protestare che avendo avuto abbondantemente il primo piatto, si lamentano con dimostrazioni che vogliono SUBITO anche il secondo e subito dopo la frutta. Per gli Aquilani non mi permetterò mai più di DONARE neanche il fiato che mi avanza perchè ho vista troppa ingratitudine e speculazione. Che si facciano aiutare dal loro PD e dall'uomo dalla cravatta sulle spalle e la lingua pronta a criticare chi veramente si è fatto ilo MAZZO per la popolazione e per ringraziamento DIMOSTRAZIONI perchè il Governo non continua a pensare solo a loro disinteressandosi che l'Italia tutta è in crisi molta più seria degli Aquilani. MI DISPIACE, SONO RIMASTO SBALORDITO QUANDO HO CAPITO CHE UN INTERO POPOLO SI FA MANIPOLARE DA QUATTRO SCANSAFATICHE CHE NON FANNO ALTRO DI MESTIERE (malgrado prendono lo stipendio con i soldi del contribuente) che fomentare disordini. ANDATE TUTTI A LAVORARE ANZICHE' PIANGERVI ADDOSSO.

    Report

    Rispondi

  • ercole.bravi

    14 Luglio 2010 - 15:03

    per il pagamento delle tasse. questi poveri aquilani, appena sembra che ottengano una vittoria precipitano nell'angoscia più cupa per una scossa di terremoto di ben 2 gradi!!! ma mi facciano il piacere, se abitassero a stromboli, con quell'entità ci farebbero arrivare i turisti.....

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    13 Luglio 2010 - 18:06

    la prossima volta arrangiatevi da soli.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog