Cerca

No alla cravatta. Il Ministro della Salute dice: "È un covo di batteri. Mai indossarla in ospedale"

L'indumento non viene lavato e sterilizzato ogni volta. In Gran Bretagna è già stata vietata ai medici. In Italia per il momento no

No alla cravatta. Il Ministro della Salute dice: "È un covo di batteri. Mai indossarla in ospedale"
Sarà pure simbolo di classe ed eleganza, ma è anche un covo di batteri. A denunciarlo è il Ministro della Salute, Ferruccio Fazio, riferendosi ai medici che indossano tranquillamente la cravatta, quando visitano i pazienti. Secondo Fazio infatti il pericolo di uno degli accessori più utilizzati dagli uomini, specialmente sul lavoro, "è stato scientificamente dimostrato" tanto che in Inghilterra hanno già abolito l'uso della cravatta nelle corsie d'ospedale. "È una delle più gravi fonti di infezioni, la maggiore che esista sul corpo dell'uomo" ha denunciato il Ministro ai microfoni di Radio2, nel corso del programma "Un giorno da pecora". È

Il problema, a detta di Fazio, risiede nel fatto che l'indumento "rimane sempre lo stesso perchè, pur cambiandolo ogni giorno, non è viene mai lavato e non è nemmeno possibile sterilizzarlo ogni volta". Per il momento il Ministro della Salute non ha alcuna idea in merito a provvedimenti o soluzioni concrete "anti- cravatta",  ma il suo punto di riferimento è una direttiva britannica dell'anno 2006. Con tale regolamentazione la "British Medical Association" avvertiva così i medici degli ospedali: " I dottori devono obbligatoriamente evitare di indossare indumenti non funzionali, come le cravatte , su cui si annidano in continuazione batteri resistenti agli antibiotici". E uno studio eseguito dall'Istituto Spallanzani di Roma ha inoltre calcolato che, ogni anno, i casi di infezioni ospedaliere provocano tra i 4.500 e i 7mila decessi in Italia, suggerendo ai medici le buone norme da adottare prima di visitare un paziente.

Ma con il messaggio del Ministro, che ha lanciato per primo l'allarme, non tutti i medici si trovano d'accordo. Secondo una buona parte di dottori, infatti, la cravatta non rappresenterebbe un grave rischio nelle corsie dei reparti normali. L'attenzione al problema andrebbe riservata nelle sale operatorie o nei reparti di rianimazione, dove- hanno sottolineato- "vengono già prese precauzioni eccezionali per evitare eventuali contaminazioni a danno dei pazienti".




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino69

    15 Luglio 2010 - 18:06

    I medici stessi sono dei contenitori di germi immensi, girano tutto il giorno per l'ospedale, fuori, al bar, sempre con questo camice svolazzante, come fossero dei divi, con lo stetoscopio al collo come il Dott House. Il piu' di loro lo fa' per vanita' e per far colpo su certe infermiere. Dovrebbero per primi essere sottoposti a una disinfestazione ogni qual volta entrano ed escono dai reparti.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    15 Luglio 2010 - 17:05

    Caro Ministro,se ci mette le mani, le metta per bene in vari reparti.

    Report

    Rispondi

  • almansi1939

    15 Luglio 2010 - 14:02

    Posso essere d'accordo sul fatto che la cravatta sia un indumento poco igenico in un ospedale, ma mi preoccupa, e dovrebbe preoccuparegli addetti ai lavori, molto di più il fatto che i medici escano dagli ospedali con il camice e lo stetoscopio appeso al collo e vadano al bar a prendere, in totale promisquità, la loro consueta consumazione per fare subito dopo ritorno nelle varie corsie. Mi sembra che questo sia molto più anti igenico della cravatta.

    Report

    Rispondi

blog