Cerca

Terrorismo rosso a Roma, un arrestato

Fermato il telefonista della "Cellula di resistenza proletaria". Attentati negli ultimi due anni, alla ricerca di un contatto con le vecchie Br

Terrorismo rosso a Roma, un arrestato
Scattano le manette per Angelo Liberati, 27 anni, secondo la procura di Roma il telefonista della “Cellula di resistenza proletaria”, sigla della sinistra marxista-leninista che ha rivendicato dal 2007 all’aprile 2010 attentati (almeno 7) a sedi di partito e concessionarie di automobili compiuti con piccoli ordigni artigianali. Oggi i Ros e la Digos hanno incastrato l’autore delle chiamate per rivendicare le azioni, che erano contornate da inneggiamenti a terroristi rossi, allo studente greco Alexis Grigoropoulus morto in seguito a scontro con la polizia greca e a Stefano Cucchi. Gli inquirenti escludono contatti con i brigatisti, ma sottolineano che attraverso atti eclatanti la cupola cercava di trovare l’appoggio delle Br ancora in carcere. Nell'ordinanza di custodia cautelare, firmata dal Gip del Tribunale di Roma, Rosalba Liso, a Liberati viene contestato il 280 bis, “atti di terrorismo con ordigni micidiali o esplosivi”. L'arresto di Liberati è arrivato grazie ad una azione di indagine sul traffico telefonico e grazie ad immagini a circuito chiuso, riprese nei pressi di cabine pubbliche da cui partivano le telefonate.

La formazione nella quale militava Liberati ha portato a termine diversi attentati, a partire da giugno del 2007 con l’invio di un pacco bomba al produttore cinematografico Pietro Valsecchi, fino al 20 gennaio scorso, quando fu colpita la sede dei carabinieri con un ordigno fatto da nove bombolette di gas da campeggio. In mezzo ci sono un attentato incendiario all’Ispettorato del Lavoro di via de Lollis (10 febbraio 2009), attentati contro un Circolo del Pd ed uno del Pdl (21 aprile 2009), spedizione di tre lettere minatorie indirizzate rispettivamente a Gianmarco Palmieri (presidente del VI Municipio, eletto nelle liste del Pd), Roberto Morassut (segretario regionale del Pd) e al giornalista Francesco Di Majo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joe1957

    21 Luglio 2010 - 12:12

    "...e se non capite con le parole ve lo insegno con le pallottole" ..... tipico comportamento da chi è talmente arrogante da sentirsi il detentore della Verità assoluta. Talmente idiota da non avere mai dubbi. E qualcuno ancora gli da credito... è vero che la mamma dei cretini è sempre incinta.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    20 Luglio 2010 - 18:06

    feltroni sarà in lutto.

    Report

    Rispondi

  • pasquino69

    19 Luglio 2010 - 19:07

    cercate i simpatizzanti, i conniventi, gli amici che gli davano una mano, che lo finanziavano, scavate bene a fondo chissa' forse ne trovate altri di finti immacolati e puri, che colpiscono alla schiena e che sono sempre e solo beceri komunisti di fuffa. Sono trascinatori, istigatori, che scrivono sui blog e che creano il malcontento e l'odio verso il Governo DEMOCRATICAMENTE ELETTO, ma da loro non accettato.Non e' possibile che si senta ancora parlare di BR, cellule proletarie, resistenza komunista. Metteteli in galera. PD fatto di ladri e farabutti Vediamo i komunistini cosa scrivono sul blog ora.

    Report

    Rispondi

blog