Cerca

Nuovo blitz contro la 'ndrangheta

Arrestate 67 persone e sequestrati bene per un valore di 250milioni di euro. Manette anche ai fratelli del sindaco di Corigliano

Nuovo blitz contro la 'ndrangheta
Una nuova operazione, denominata “Santa Tecla”, per la Guardia di finanza e i Carabinieri nell'alto Ionio Cosentino ha portato all’arresto di 67 presunti affiliati a uno dei clan della 'ndrangheta più pericolosi: il ''locale'' di Corigliano. Tutti gli indagati sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, usura e traffico di sostanze stupefacenti.

Gli arresti sono stati eseguiti, oltre che nel cosentino anche nelle province di: Roma, Reggio Calabria, Foggia, Bologna, Brescia e Milano. L’operazione è stata coordinata dal procuratore di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo e dal pm della Dda catanzarese, Vincenzo Luberto. Secondo gli investigatori i tratta di una delle più importanti operazioni fatte nella zona del cosentino.

Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati beni per un valore di 250milioni di euro. Si tratta di da beni immobili, attività commerciali e quote societarie intestate direttamente o tramite prestanome.

Tra gli arrestati ci sono anche Mario e Franco Straface, imprenditori, fratelli del sindaco di Corigliano, Pasqualina, tra le persone arrestate nell'operazione condotta nel cosentino da guardia di finanza e carabinieri. I due imprenditori sono accusati di estorsione con il fine di realizzare un villaggio turistico in località Thurio. Secondo l’accusa, il titolare della società che stava realizzando la struttura, è stato costretto da Maurizio Barilari ritenuto il capo della cosca di Corigliano, ad affidare un appalto milionario, prima per la sola fornitura del cemento e poi per tutta l'opera, alla Straface Srl di Mario e Franco.

I due imprenditori hanno poi scelto le imprese subappaltatrici che hanno fatturato alla ditta Straface importi non dovuti grazie ai quali sono stati creati fondi neri girati poi alla cosca. Secondo l'accusa, i fratelli Straface, con l'appoggio dei vertici della cosca, hanno imposto all'imprenditore condizioni economiche tali da determinare un aggravio di spesa superiore al 20% dell'importo dei lavori. Pasqualina Straface, del Pdl, è sindaco di Corigliano dallo scorso anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • hawkxxx

    23 Luglio 2010 - 01:01

    Nessun governo ha mai raggiunto cifre del genere nella lotta contro la mafia. Le notizie ufficiali e i dati ufficiali li possiamo vedere sul sito del ministero dell'interno. Il nostro ministro dell'interno contro la mafia sta facendo un grandissimo lavoro infatti ha preso complimenti sia da Saviano sia dalla procura di palermo per i sequestri dei beni mafiosi finalmente ridati al popolo. Grazie Maroni, Grazie governo, Grazie polizia, Grazie carabinieri e Grazie magistratura.

    Report

    Rispondi

  • giramondo15

    22 Luglio 2010 - 22:10

    Che hanno ricostruito e alimentato e alimentano e isticano ancora questi mafiosi che fanno paura in Italia perchè come tutti sappiamo i mafiosi furono distrutti .ma dal dopo guerra sino a pochi anni fà è cresciuta come i funghi velenosi.

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    21 Luglio 2010 - 16:04

    forse non te ne sei accorta ma il pdl li sta arrestando i mafiosi quando erano al governo i tuoi amici rossi non li arrestavano anzi pensavano a qualche leggina x farli uscire indulto non ti dice niente comprendeva tutti i reati a prescindere

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    21 Luglio 2010 - 15:03

    Tempo fa lo avevo detto per celia, ma adesso vista la quantità industriale di esponenti delle quattro mafie di Bordelloland che vengono ingabbiati giornalmente, bisogna davvero pensare ad un campo di concentramento che possa contenerli tutti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog