Cerca

Alto Adige, da abolire 36mila cartelli scritti solo in lingua tedesca

La questione riguarda la segnaletica dei sentieri di montagna

Alto Adige, da abolire 36mila cartelli scritti solo in lingua tedesca
Dovranno essere rimossi ben 36mila cartelli scritti in lingua tedesca ed esposti nella provincia di Bolzano. La decisione è stata presa dal ministro per i rapporti con le regioni, Raffaele Fitto, il quale ha illustrato nel corso del Consiglio dei Ministri la questione relativa alla segnaletica solo in tedesco dei sentieri di montagna in Alto Adige.

Il Cdm ha così accolto la richiesta di Fitto, il quale chiedeva anche di poter avviare procedure per l’esercizio del potere sostitutivo riconosciuto dalla Costituzione a Governo nei confronti di Regioni e Province a statuto speciale, come nel caso di Bolzano, per i casi di non rispetto di principi costituzionali. Questo significa che se la provincia autonoma di Bolzano non rimuoverà i cartelli scritti solo in tedesco, sarà lo Stato a provvedere avendo ottenuto il ministro questo tipo di mandato.

In una nota il ministero sottolinea che il Cdm “ha ritenuto necessario dare inizio alla procedura di attivazione del potere sostitutivo prevista dall'art. 120 della Costituzione. A tal fine il ministro Fitto diffiderà il presidente della Provincia autonoma di Bolzano a provvedere alla rimozione dei circa 36.000 cartelli esistenti in versione monolingue tedesca''.

Il ministero ricorda che ''nei giorni scorsi l'intenso lavoro finalizzato alla stipula di un'intesa tra governo e Provincia non aveva sortito gli effetti sperati affinché fosse ripristinata una corretta applicazione del principio del bilinguismo o trilinguismo ove previsto. «Sono rammaricato di non essere riuscito a raggiungere un'intesa ragionevole con il Presidente Durnwalder - ha affermato il Ministro Fitto al termine del Cdm - Il governo ha però inteso riaffermare il principio del rispetto del bilinguismo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    26 Luglio 2010 - 10:10

    nel ricordo dei tanti soldati italiani caduti per quel razzista pezzo di terra...lo regalerei all'Austria felix, così vedrebbero questi imbecilli quanti soldi avrebbero da spendere, altro che città/regione autonoma...a calci dovrebbero essere presi. Su questo abbiamo un governo senza attributi. Da li si che si dovrebbe cominciare a tagliare. Sui soldi dati alle regioni autonome, quando si sveglierà Tremonti, sarà sempre tardi!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    23 Luglio 2010 - 22:10

    In questa maniera indicheremmo agli Alto Atesini che gli Italiani sono veramente Europei e non settari o razzisti.

    Report

    Rispondi

  • alduzzo

    23 Luglio 2010 - 00:12

    Quando vi preoccupate degli immigrati clandestinio senza casa ne' lavoro, se siete italiano puro e non parlate tedesco, andate a cercar lavoro e poi fatemi sapere cosa vi hanno offerto. Con tutti i soldi che lo Stato, Italiano, gli da come Regione a statuto speciale. E fanno putre i difficili a usare in bilinguismo in Italia ! Si facciano dare i soldi dall'Austria ( quanti gliene diamo noi ) e poi ne discuteremo dei cartelli monolingua. Inatanto io a sciare trovo tante altre alternative piu' accoglienti e disponibili....

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    22 Luglio 2010 - 21:09

    con tutti i bei posti che abbiamo in Italia, perchè dovrei andare a villeggiare fra questi crukki ? Inoltre io per principio io non acquisto nulla che proviene da questa gente. Nel 1943 quando il loro quasi compaesano austriaco Hadolf li ha annessi alla germania, li ha mandati a morire in Russia, e tuttora questi preferirebbero annettersi agli altri crukki ? Questi sono dei dementi ! Inoltre se invece di essere stati annessi all' Italia fossero stati annessi ai compagni slavi, sarebbero finiti nelle foibe ed invece con l' Italia si sono arricchiti. Krucchi siete e cruccki sarete fino a quando ?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog