Cerca

Torino, 32enne stuprata nel Parco della Colletta. I Carabinieri sono sulle tracce del maniaco

La donna andava lì ogni mattina a fare jogging. L'uomo l'ha trascinata a forza dietro un cespuglio e l'ha violentata

Torino, 32enne stuprata nel Parco della Colletta. I Carabinieri sono sulle tracce del maniaco
È caccia al violentatore per i Carabinieri del comando provinciale di Torino che sono ancora alla ricerca del maniaco che ha violentato una donna di 32 anni.

L'episodio è avvenuto al Parco della Colletta, dove la vittima, medico di professione, si recava ogni mattina, intorno alle 7, a correre. E la situazione sembrava tranquilla, come ogni giorno, fino a quando, mentre era vicina agli ingressi del parco, tra Lungo Dora Voghera e corso Cadore, è spuntato da un cespuglio lo stupratore. L'uomo l'ha prontamente afferrata con un braccio ed è riuscito a violentarla. Le urla disperate della donna hanno attirato l’attenzione di un’altra persona, che l’ha prontamente soccorsa.

Il maniaco è riuscito a dileguarsi, ma gli agenti della Polizia di Torino, hanno il suo identikit. Nonostante lo schock, la donna è comunque riuscita a riconoscerlo. Si tratterebbe di un uomo che fa jogging nel parco. L’ipotesi sarebbe dunque quella di un atto premeditato. I Carabinieri, che sono stati avvisati dell’accaduto quando la donna era in ospedale, sono sulle sue tracce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • idleproc

    23 Luglio 2010 - 14:02

    Mi rifiuto che vengano associati alla categoria Uomo degli esseri del genere. Gli Uomini non violentano le donne, mai, in nessun caso, non esistono giustifcazioni sociologiche, di costume o altro. Non si offende il più potente alleato che un Uomo può avere nella sua vita e nella ricerca di un mondo libero e migliore. Se le donne, quelle di ogni giorno, sono isolate nella ricerca di una libertà di cui, da sempre, hanno diritto e che dovrebbe essere talmente scontata da non doverne parlare è necessario che gli uomini si facciano carico di difenderle con le Leggi e di persona se non basta. Il danno che fa una violenza è devastante e permanente, le nostre leggi castrate dal buonismo e dall'ideologia pretesca e ipocrita del perdono sono del tutto inufficenti.

    Report

    Rispondi

  • peterparker

    23 Luglio 2010 - 13:01

    Questo reato deve esser assimilato all'omicidio dal punto di vista della pena edittale !! Anche se darlo in pasto a un tipo quale era "er canaro" sarebbe ancor + soddisfacente...

    Report

    Rispondi

  • claudioF

    23 Luglio 2010 - 12:12

    Basta con questo schifo!!

    Report

    Rispondi

blog