Cerca

Preti gay, Vicariato: "Chi fa la doppia vita venga allo scoperto" / Guarda il video

Arriva la nota ufficiale dopo l’articolo apparso su "Panorama". "Non hanno capito cosa è sacerdozio, non dovevano diventare preti"

Preti gay, Vicariato: "Chi fa la doppia vita venga allo scoperto" / Guarda il video
La nota ufficiale - Il Vicariato del cardinale Agostino Vallini diffonde una nota ufficiale dopo l'articolo apparso sul settimanale "Panorama" in cui spiega che la "finalità" dell’articolo sui preti gay: «È evidente: creare lo scandalo, diffamare tutti i sacerdoti, sulla base della dichiarazione di uno degli intervistati secondo il quale "il 98% dei sacerdoti che conosce è omosessuale", screditare la Chiesa. E, per altro verso, fare pressione contro quella parte della Chiesa da loro definita "intransigente, che si sforza di non guardare la realtà" dei preti omosessuali».

La richiesta - Dunque il Vicariato di Roma chiede ai preti gay di «venire allo scoperto. Chi conosce la Chiesa di Roma, dove vivono anche molte centinaia di altri preti provenienti da tutto il mondo per studiare nelle università, ma che non sono del clero romano né impegnati nella pastorale, non si ritrova minimamente nel comportamento di costoro dalla "doppia vita", che non hanno capito che cosa è il 'sacerdozio cattolicò e non dovevano  diventare preti. Sappiano che nessuno li costringe a rimanere preti, sfruttandone solo i benefici. Coerenza vorrebbe che venissero allo scoperto. Non vogliamo loro del male ma non possiamo accettare che a causa dei loro comportamenti sia infangata la onorabilità di tutti gli altri».

Perseguire con rigore ogni comportamento indegno - «Questo Vicariato è impegnato a perseguire con rigore, secondo le norme della Chiesa, ogni comportamento indegno della vita sacerdotale - aggiunge la nota - Dinanzi a simili fatti aderiamo con convinzione a ciò che il Santo Padre Benedetto XVI ha ripetuto più volte negli ultimi mesi: "i peccati dei sacerdoti" ci richiamano tutti alla conversione del cuore e della vita e ad essere vigilanti a non 'inquinare la fede e la vita cristiana, intaccando l'integrità della Chiesa, indebolendo la sua capacità di profezia e di testimonianza, appannando la bellezza del suo volto"».


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    25 Luglio 2010 - 21:09

    Chi crede in Dio,è tenuto a rispettarlo, nell'ambito della propria rappresentanza,con la testa, con il cuore e con l'anima ponendosi a disposizione delle genti per una totale assistenza evangelica oppure, rinunciando a tutto quello che la natura stessa o Dio ha creato perchè l'uomo, non ne abusi, ma per un armonico equilibrio psico/fisico ne prenda quanto basta ? - Non crede Ella Cardinal Bagnasco che proibire all'essere umano di cibarsi di quelle cose di cui madre natura ha concesso è veramente un grave peccato verso Dio ? - E' come dire che noi laici,per il sol fatto che ci innamoriamo,ci sposiamo, mettiamo al mondo quei pargoletti,molto cari a Dio, rispettando il suo consiglio al momento nel quale fummo posti sulla terra: andate e moltiplicatevi,per tutto questo siamo dei peccatori contro colui che ci creò per godere dei suoi frutti. Ella potrà dire ciò che vuole ma un fatto è certo,chi pecca contro Dio sono coloro che offendono Dio stesso negandosi ciò che gli è stato dato.

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    24 Luglio 2010 - 20:08

    Abbiamo punti di vista diversi, ma sulla battaglia per i diritti civili i principi sono comuni e quindi siamo alleati.

    Report

    Rispondi

  • Scrappy

    24 Luglio 2010 - 13:01

    E' risaputo che i poteri forti in Italia sono gestiti dal governo, lo stato vaticano è una forza economica e politica incredibile ,specialmente in Italia. Demonizzare l'omosessuale conviene un po a tutti, avere un nemico comune da abbattere , diseducare le persone , farli ripiombare negli stereotipi negativi...è una volontà effettiva. il problema del vaticano non è l'omosessualità, ma il fatto che molti uomini di chiesa fanno sesso ,la maggior parte con donne...ma li si solleverebbe veramente un problema a catena...meglio prendersela con i froci..non a caso questo articolo segue di poco gli attacchi del sindaco di sx cattolica e conservatrice,e gli attacchi ai donatori di sangue omosessuali,ormai descritti come indegni ad aiutare la collettività......la prego apra gli occhi, le motivazioni tecniche che lei mi da non corrispondono all'idea di potere ,che il governo attuale e la chiesa perseguono. cordiali saluti

    Report

    Rispondi

  • idleproc

    24 Luglio 2010 - 12:12

    Concordo con Lei sulla degenerazione della Politica in politica emozionale che costruisce consenso non su progetti, idee e confronto sui fatti, ma su livelli inferiori, molto più bassi, quelli che sa utilizzare e utilizza ogni buon pubblicitario. Lo vediamo anche negli US, mondo liberal compreso. Fa presagire una profonda crisi delle Democrazie occidentali. Il problema è che i centri decisionali si stanno sempre più spostando fuori dagli organismi soggetti a controllo democratico e quindi elettivi. Poteri forti, banche e finanza, tendono ad avere e a finanziare campagne elettorali di semplici teste di legno "che buchino lo schermo" ed eseguano gli ordini. Non vedo il complotto a cui Lei si riferisce, se mai, se esiste qualcosa, una legnata alla Curia che fa la Morale al governo perseguendo nella realtà accordi politici con poteri forti che la favoriscano nei suoi problemi economico-finanziari e di potere in Italia. Vorrebber tanto un Governo Tecnico o meglio un'altra DC.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog