Cerca

Picchiava anziana malata di Alzheimer. Badante ai domiciliari

Il blitz è scattato grazie alle immagini raccolte dalle telecamere nascoste dalla Polizia / GUARDA IL VIDEO

Picchiava anziana malata di Alzheimer. Badante ai domiciliari
Le dava schiaffi, pugni e morsi durante i pasti ma anche durante la notte, nel sonno. Per questo è stata arrestata una badante, italiana di 40 anni, a Montignoso in provincia di Massa Carrara, con l’accusa di maltrattamenti nei confronti dell’anziana signora, di 75 anni, malata di Alzheimer dunque inferma e non autosufficiente. Alla badante oggi sono stati concessi gli arresti domiciliari.

La donna è stata incastrata dai video delle telecamere installate dalla Polizia. Durante l’interrogatorio la badante, anche vicina di casa dell’anziana signora, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. L’operazione è scattata per via della segnalazione da parte dei parenti della 75enne che avevano notato dei lividi sul corpo.

Così lo scorso mercoledì la la squadra mobile di Massa ha posizionato quattro telecamere nella stanza da letto e in quella da pranzo dell'abitazione dell'anziana. Secondo quanto spiegato dalla procura, dopo nemmeno 24 ore è stato necessario il blitz, per i maltrattamenti che la badante infliggeva all'anziana.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • micharr

    28 Luglio 2010 - 17:05

    Secon do me i peggiore criminali sono i giudici e i magistrati

    Report

    Rispondi

  • RANMA

    28 Luglio 2010 - 09:09

    Ormai in Italia i giudici assolvono gli ubriachi che ammazzano in auto ,gli stupratori ,gli insegnanti che torturano e abusano dei bambini, gli uomini che picchiano a sangue le mogli perchè hanno troppo carattere e ora le badanti che massacrano poveri vecchi indifesi..Mi domando chi sono i veri MOSTRI....Secondo voi????

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    27 Luglio 2010 - 17:05

    Picchiare una anziana disabile è da infame, non ci sono dubbi. Però voglio fare alcune considerazioni. 1-Fare assistenza a coloro che hanno turbe cognitive cerebrali come l'anziana in oggetto, non è cosa facile e non tutti sono in grado di farla. Ci vuole un equilibrio nervoso che non si conceda a cedimenti ed una pazienza di Giobbe. Di fronte a dun soggetto che non capisce niente,che si fa sotto,che non ti lascia dormire,che appena ti distrai ti fa danni sia personali che nell'ambiente,prima o poi ti manda in tilt il sistema nervoso e perdi i freni inibitori per esaurimento e stanchezza cronica. 2-le uniche che nel nome del Signore resistevano ad una situazione del genere erano le suore, ora in via di estinzione; scomparse per volere politico anche dagli ospedali, dagli ostelli e dalle case di riposo. Comunque attenti a chi affidate gli anziani non autosufficienti,non tutti hanno i nervi a posto.

    Report

    Rispondi

  • meliodora

    27 Luglio 2010 - 15:03

    Tutte insieme...vediamo come va a finire.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog