Cerca

Treni: estorsione alle ditte di pulizia. 2 arresti

Un dirigente sindacale e un ispettore della qualità sono finiti in manette. E l'amministratore delle Fs: "E' una brutta pagina"

Treni: estorsione alle ditte di pulizia. 2 arresti
Un dirigente del Sindacato "Orsa-Salpas", Pasquale Maio, è stato arrestato e altri 2 dirigenti della stessa organizzazione sono stati denunciati per estorsione nei confronti di ditte di pulizia dei treni e delle stazioni, dalla "Polfer" della Lombardia. Arrestata anche una quarta persona, un ispettore della qualità.

L'indagine era già iniziata nel mese di dicembre 2009, dopo una denuncia delle Ferrovie dello Stato e della sua struttura di sicurezza, relativa a una ditta che stava subendo l'estorsione. La Polizia ferroviaria ha così rilevato un sistema estorsivo, consolidato negli anni, attuato dai tre sindacalisti ai danni di alcune ditte appaltatrici, costrette a pagare la somma media di 5mila euro mensili per non avere problemi con gli operai, pena ritorsioni lavorative. In parole povere o si pagava la tangente o scattava immediato lo "sciopero pilotato", come quello organizzato il 31 marzo scorso dai dipendenti della ditta "Dussmann" della Stazione Centrale.  Dietro la motivazione ufficiale del "non ci pagate e non lavoriamo", secondo gli inquirenti, c'era l'obiettivo dei fratelli Maio di costringere la ditta a pagare il "pizzo".

Nel corso delle indagini, un dirigente di una ditta, aveva riferito di subire continue estorsioni da un soggetto che si spacciava per un ispettore della qualità della società e al quale era costretto a pagare un mensile di 800 euro per evitare i controlli sulle pulizie eseguite. Il sindacalista e l'estorsore sono finiti in manette, proprio mentre erano intente a riscuotere il denaro. Gli altri due sindacalisti sono stati denunciati e uno è stato bloccato alla stazione di Milano Centrale. Era appena sceso dal treno proveniente da Roma, dove si era recato per intascare il denaro poi sequestrato.

E l'amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, ha così commentato gli arresti effettuati dalla Polizia a Milano: "È una brutta pagina. I rappresentanti dei lavoratori non si dovrebbero prestare a certe cose. È scandaloso che un Sindacato come l'Orsa complotti con le imprese perché non si effettuino o si effettuino male le pulizie a bordo dei treni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pasquino69

    31 Luglio 2010 - 13:01

    non credevo che ci fosse qualcuno che confidava nella difesa degli operai da parte dei sindacati. Vi siete accorti ora che sono la feccia della feccia?? Avete mai fatto caso chi era nei sindacati e ora e' in politica? se fate il conto vi accorgereste che loro la cosa che valutano e' solo quella di fare soldi , soldi, soldi, ma senza fare un mazzo. Sindacalista = lavora che mi magno. Quanti nelle aziende prendono la bustarella dal datore di lavoro per far andare avanti la ditta e evitare scioperi inutili e dannosi.

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    31 Luglio 2010 - 00:12

    Categoria che conosco bene, alcuni onesti ma non avendo mai lavorato si affidano solo alle chiacchiere e non hanno esperienza pratica, infatti sono i più sfaticati che si fanno nominare rappresentanti degli operai e poi via via scalano le posizioni fino a diventare sindacalisti a tempo pieno. Io gli farei fare dei corsi obbligatori di un mese ogni tre presso le ditte, lavorando con gli altri operai. No, no, ho detto una bestialità, gli altri dovrebbero fare anche il loro lavoro, questi non li mette sotto nessuno, cercano solo di avere i vantaggi del caso.

    Report

    Rispondi

  • claudioF

    30 Luglio 2010 - 18:06

    Coloro che dovrebbero vegliare e tutelare chi lavora sono proprio i carnefici...

    Report

    Rispondi

  • z.signorini

    30 Luglio 2010 - 16:04

    Questo è un bel periodo: i sindacati che hanno sempre precato benissimo, sta affiorando che hanno razzolato malissimo, i magistrati uguale; fino a qualche settimana fà rompevano quotidianamente le palle ora che ci sono magistrati più delinquenti dei delinquenti indagati tutti in silenzio. Ipocriti, categorie prive di qulasisi dignità, spazzatura umana.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog