Cerca

Antitrust indaga sui "miracolosi" Power Balance

Entro 15 giorni le società di distribuzione e commercializzazione dei braccialetti dovranno documentare le proprietà benefiche del prodotto

Antitrust indaga sui "miracolosi" Power Balance
I "miracolosi" Power Balance non convincono l'Antitrust, che mette in pericolo la moda del momento aprendo un'istruttoria a carico delle due società che si occupano di distribuzione e commercializzazione dei colorati braccialetti. Power Balance Italy e Sport Town attribuiscono ai monili di silicone e neoprene effetti positivi sull'equilibrio, sulla forza, sulla flessibilità e sulla resistenza fisica di chi li indossa. Caratteristiche estese anche alle collanine con ciondolo che completano la gamma.

L'istruttoria - In base al procedimento avviato dall’Autorità, entro i prossimi 15 giorni le due società dovranno fornire un’idonea documentazione medico-scientifica sulle proprietà attribuite al prodotto, compresa "l'istantanea efficienza dei sistemi elettronici, chimici e biologici dell’individuo". Al tempo stesso dovrà essere provata l'assenza di eventuali controindicazioni per la salute e la sicurezza dei consumatori.

Codacons e Federconsumatori - Secondo il presidente del Codacons Carlo Rienzi, l’istruttoria "apre la strada ai risarcimenti in favore di chi ha acquistato il prodotto".   Anche Federconsumatori giudica positivamente l’accertamento di una "possibile pratica commerciale scorretta": "Abbiamo sempre invitato i cittadini a diffidare da oggetti magici che promettono effetti benefici e miracolosi, non provati da riscontri scientifici. Se volete acquistare questo tipo di oggetti, fatelo per puro piacere estetico, ma non lasciatevi persuadere dalle promesse di poteri taumaturgici e prodigiosi".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mrnndr

    13 Agosto 2010 - 17:05

    resta comunque pubblicità ingannevole..l' aumento delle tasse giustificato o meno che sia non è comunque una truffa promettere prestazioni migliorate con una semplice placca di acciaio facendo leva su ipotetici flussi energetici che emana l' organismo (e che per altro non esistono) è rasente alla truffa...considerando che il braccialetto costa 40 euro. altrimenti teniamoci anche maghi , cartomanti e acque miracolose..

    Report

    Rispondi

  • algo

    04 Agosto 2010 - 23:11

    Io l'ho acquistato dopo averlo provato! Non sapevo neanche cosa fosse e a cosa servisse e non ho mai visto alcuna pubblicità. Sono rimasto stupito dei suoi effetti, anche se credo che non possa far miracoli, ma comunque possa aiutare anche solo psicologicamente. Certo che siamo proprio strani: la benzina continua ad aumentare, le assicirazioni anche, le compagnie telefoniche applicano tariffe incomprensibili e non paragonabili, le tariffe di gas e luce continuano ad aumentare e le bollette sono sempre più incomprensibili, i pedaggi autostradali forse aumenteranno ancora; se non pago il conto del Telepass mi tolgono 2 punti sulla patente.. e l'Atitrust cosa fa ?.. Indaga sulle proprietà dichiarate dalla pubblicità ingannevole (quanta ne beviamo tutti i giorni) del braccialetto Power Balance che nessuno mi obbliga ad acquistare, al contrario di altri beni, supponendo anche che possa avere effetti negativi sul nostro fisico. Che dire allora del cellulare? Seguiamo proprio tutti la moda.

    Report

    Rispondi

blog