Cerca

Mondiali di nuoto, a giudizio Balducci e altri 32

L'accusa per tutti è di abuso edilizio. E tornano i sigilli sull'impianto "sportivo" Aquaniene di Roma

Mondiali di nuoto, a giudizio Balducci e altri 32
Torna sotto i riflettori della Giustizia, l'ex consigliere superiore dei lavori pubblici, Angelo Balducci. Insieme a lui, Claudio Rinaldi e altre 31 persone citate a giudizio per abuso edilizio in relazione agli impianti sportivi che hanno ospitato i Mondiali di Nuoto del 2009. All’epoca dei fatti Balducci e Rinaldi erano entrambi  commissari delegati per la realizzazione delle opere.

La decisione è stata presa dal pm romano Sergio Colaiocco al termine delle indagini preliminari.
La citazione riguarda anche Simone Rossetti, responsabile del Centro Salaria Sport Village, l'architetto Angelo Zampolini e l’imprenditore Giovanni Malagò, per la realizzazione dell’impianto Aquaniene che si trova nel quartiere Parioli e che è stato nuovamente sequestrato, su ordine della Procura di Roma. Questo, come il Salaria Sport Village, il Flaminio Sporting Club, il Gav Roma Natura e il Reale Circolo Canottieri Tevere, tutti sotto sequestro, sono stati costruiti in zone di interesse paesaggistico. Inoltre l'Aquaniene è stato realizzato ex novo e non ampliando gli impianti già preesistenti, così come previsto da una delibera comunale del 2007. E non è destinato solo a fini sportivi. La struttura, estesa su 14mila metri quadri, ospita, tra l'altro, anche un bed and breakfast.

Rossetti è già noto per l’altro filone dell’inchiesta finita alla Procura di Perugia, sulle intercettazioni telefoniche con il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso.

La Procura di Roma ha trasmesso gli atti alla Procura regionale della Corte dei Conti e il processo per la citazione a giudizio è stato fissato al 5 aprile del 2011.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • delusodasilvio41

    06 Agosto 2010 - 10:10

    Anche Bertolaso fu nominato da Prodi, ma a difendere le malefatte sue e di Balducci, al momento, sono i più alti rappresentatnti di questo governo. La Cricca, comunque la giri, è uno scandalo di questa destra e non della sinistra. Saluti.

    Report

    Rispondi

  • giuliab09

    05 Agosto 2010 - 11:11

    cose, bisognerebbe informarsi meglio e non sparare nel mucchio, tanto per cominciare il signor Balducci è stato nominato da Prodi, poi di scandali ce ne sono stati , ma nel mucchio non metteteci i vostri scandali, cari sx che sono non pochi...non erigetevi a razza superiore anzi...il caro d'Alema si è sdegnato d'essere indagato ed ha brigato per far dimettere la giudice che si era permessa di OSARE...

    Report

    Rispondi

  • benedetta28

    04 Agosto 2010 - 22:10

    Come si fa a credere ancora a questa maggioranza! Berlusconi per primo dovrebbe dimettersi.Non c'è serietà.E' proprio vero, si stanno mangiando l'Italia.

    Report

    Rispondi

  • enricodignani

    04 Agosto 2010 - 17:05

    Fino al terzo grado c'è la presunta innnocenza, Alfano inventati il quarto grado facci sognare.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog