Cerca

Mafia: fatture per pagare il pizzo. Arrestate 8 persone a Palermo

Un duro colpo al clan delle famiglie mafiose di Ficarazzi. Alcuni imprenditori simulavano pagamenti per servizi e forniture inesistenti

Mafia: fatture per pagare il pizzo. Arrestate 8 persone a Palermo
E'stato decapitato nella mattina di oggi il vertice delle famiglie mafiose di Ficarazzi, un paese dell’hinterland palermitano. I Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo hanno infatti eseguito 8 provvedimenti cautelari, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia.
Le accuse, contestate agli indagati, sono associazione a delinquere di tipo mafioso, estorsione, danneggiamento e traffico di stupefacenti.

L’operazione "Iron man" ha documentato il conflitto tra il "reggente" della cosca di Ficarazzi e un boss emergente che avrebbe tentato di assumere il controllo del territorio e la gestione del racket delle estorsioni, arrivando a picchiare selvaggiamente un imprenditore che aveva cercato di ribellarsi.
Alcuni imprenditori, infatti, per dissimulare il pagamento del pizzo, emettevano regolari fatture per servizi e forniture, mai resi. Gli imprenditori, vittime del racket delle estorsioni, erano così costretti anche a pagare l’Iva per servizi inesistenti.

Gli imprenditori non hanno collaborato alle indagini. Lo ha riferito il procuratore aggiunto, Ignazio De Francisci, che ha dichiarato: "Abbiamo deciso di non sentirli nemmeno durante le indagini perchè abbiamo capito che non ne avremmo ricavato nulla". Il Magistrato ha inoltre aggiunto: "Con questi arresti gli imprenditori non hanno più alibi per la loro omertà. O parlano o pagheranno conseguenze amare del loro silenzio".
De Francisci ha osservato ancora che, mentre a Palermo si diffondono la denunce delle vittime di estorsione, "nei Paesi la mentalità mafiosa è ancora vincente". Un concetto, più volte ribadito dal Comandante provinciale dei Carabinieri, il colonnello Teo Luzi ha riferito che: "In città vediamo segnali positivi, a Ficarazzi no. Nell'hinterland le famiglie mafiose sono ancora molto attive, e per controllare il territorio, ricorrono a una violenza molto dura. Tuttavia -ha concluso Luzi- sono convinto che con l'apporto delle associazioni antiracket si allargherà ulteriormente la cultura della collaborazione con le forze dell'ordine".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • donrinofirenze

    05 Agosto 2010 - 14:02

    E' davvero bellissimo vedere come in questi due anni di governo la mafia e ogni tipo di criminalità sia in ginocchio!e' davvero esaltante soprattutto ascoltare Maroni e gli altri che si pavoneggiano con numeri alla mano delle vittorie!purtroppo io con 15 anni di esperienza come cappellano del carcere di sollicciano a firenze,che ci volete fare non ho mai creduto ai successi contro la mafia e la criminalità,mai!per semplici e puerili motivi,un capo mi disse "rev.do si ricordi sempre questo,quando sente che è stato arrestato un capo dei capi non ci creda,perchè siamo noi che lo abbiamo fatto arrestare,perchè non era più nessuno ed al suo posto è già un altro!inoltre,non credo nemmeno a tutte le altre fantasie le quali servono solo per far voti e basta.Un esempio,qui a firenze contro gli immigrati il giorno molti sono in piazza ad urlare ma di notte gli stessi usufruiscono dei servizi di chi vorrebbero mandar via,affittano loro case a 3mila euro in 20mq.ma poi urlano che gliene rubano.

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    05 Agosto 2010 - 13:01

    tranquillo quelli tasse non ne pagano ci sara statto qualcuno pronto a fargli le fatture x scaricare.ma come diceva qualcuno l aria sta cambiando.ma mi sa che e gia cambiata

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    05 Agosto 2010 - 12:12

    poveretti ... volevano stare in regola con il fisco e ... pagavano anche l'iva.

    Report

    Rispondi

blog