Cerca

Fiat, il giudice annulla i tre licenziamenti a Melfi

Bloccarono un carrello robotizzato mentre gli altri lavoravano. La decisione: Atto antisindacale, reintegro immediato degli operai

Fiat, il giudice annulla i tre licenziamenti a Melfi
Il licenziamento di tre operai dello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat (due dei quali delegati della Fiom), deciso dall'azienda il 13 e 14 luglio scorso, ha avuto carattere di “antisindacalità” ed è quindi stato annullato dal giudice del lavoro, che ha ordinato l'immediato reintegro dei tre nel loro posto. La notizia è stata confermata dal segretario regionale della Basilicata della Fiom, Emanuele De Nicola, secondo il quale “la sentenza indica che ci fu da parte della Fiat la volontà di reprimere le lotte a Pomigliano d'Arco e a Melfi e di dare una lezione alla Fiom”. I tre operai - Antonio Lamorte, Giovanni Barozzino (entrambi delegati della Fiom) e Marco Pignatelli - furono licenziati perché, durante un corteo interno, secondo l'azienda bloccarono un carrello robotizzato che portava materiale ad operai che invece lavoravano regolarmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ariete84

    22 Agosto 2010 - 09:09

    Ora la dimostrazione è definitiva.

    Report

    Rispondi

  • giornali

    12 Agosto 2010 - 08:08

    Quando il diritto (e la voglia) di lavorare avranno la stessa dignità del diritto di sciopero, l'Italia avrà imparato la differenza fra democrazia e anarchia.

    Report

    Rispondi

  • adaniel

    11 Agosto 2010 - 13:01

    nel mio precedente commento ho scritto "c0n l'accento" - volevo dire: "con l'apostrofo"

    Report

    Rispondi

  • milanuno

    11 Agosto 2010 - 13:01

    SE LEGGETE IL CORRIERE DELLA SERA DI OGGI 11 AGOSTO A PAG. 5 TROVERETE UN ARTICOLO CHE SPIEGA BENE COSA E' SUCCCESSO QUELLA NOTTE ALL'INTERNO DELLA FABBRICA , CHE IL GIUDICE PRIMA DI DECIDERE LA SENTENZA HA ASCOLTATO 40 TESTIMONI + DIRIGENTI FIAT PRESENTI QUELLA NOTTE I CARRELLI AL MOMENTO DELL'ASSEMBLEA ERA GIà STATI FERMATI DAI CAPI REPARTO DELLA FIAT IN BASE ALLA 626 NORMA PER LA SICUREZZA E SOPRATUTTO I DELEGATI SINDACALI SANNO BENISSIMO COSA POSSONO O NON POSSONO FARE IN CASO DI SCIOPERO X NON INCORRRE APPUNTO NEL LICENZIAMENTO. CONCLUDO PER QUELLI CHE HANNO SCRITTO COME SE LA FIAT FOSSE UNA VITTIMA, AVETE MAI LAVORATO IN UN AZIENDA SENZA TUTELE SINDACALI?? SPERO CHE NON CAPITI AI VOSTRI FIGLI QUANDO CERCHERANNO LAVORO

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog