Cerca

Donna muore dopo aver mangiato pasta comprata in rosticceria

A Falcone, in provincia di Messina. Il malore dopo pranzo. Altri 4 familiari ricoverati per sospetta infezione alimentare

Donna muore dopo aver mangiato pasta comprata in rosticceria
Doveva essere una normale cena, consumata con una portata acquistata in rosticceria. Una donna di 74 anni, a Falcone nel Messinese, Grazia Marino, è morta ieri dopo aver mangiato una pasta al forno comprata in una negozio della zona. Si trovava laggiù per le vacanze estive, dove aveva affittato un appartamento. Il malore e la donna è andata all’ospedale di Barcellona Pozzo di Gotto, per poi entrare in coma, quindi la morte. Il referto medico parla di un decesso per un arresto cardio-circolatorio. Altri quattro familiari sono stati ricoverati, con una gastroenterite acuta per sospetta infezione alimentare. Ma altri due parenti della vittima non hanno accusato nessun disturbo.  I carabinieri stanno ora indagando per stabilire se la morte sia direttamente riconducibile alla pasta mangiata. Sono stati prelevati campioni di cibo e bisognerà stabilire se era confezionato in modo adeguato o meno. Il legale della donna ha già presentato una denuncia cautelativa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roberto19

    roberto19

    11 Agosto 2010 - 14:02

    … ma la mia quando cucina la lasagna al forno si fa perdonare tutto. E il segreto di questa benedetta lasagna non lo dice nemmeno alla figlia. L’altra settimana ho sentito che le diceva: “ Stai bona fija mia .. che lo so io come se tengono a casa l’omini!”

    Report

    Rispondi

  • roberto19

    roberto19

    11 Agosto 2010 - 14:02

    .....meglio cucinare in casa e forse .... anche quando fa freddo. Molto spesso la FAME del profitto fa premio su quella della lasagne. Buon appetito!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    11 Agosto 2010 - 13:01

    Siamo combinati molto male, i controlli presso gli esercizi alimentari,dovrebbero essere maggiori e inoltre, c'è molto mano d'opera straniera che lavorano in nero senza che costoro abbiano un libretto sanitario che ne accerti la sanità medicai.

    Report

    Rispondi

blog