Cerca

Papa: "Amate e imitate le vite dei santi, guidano la vostra crescita"

Durante la sua udienza generale a Castel Gandolfo Benedetto XVI ha anche citato Sant'Agostino e la ricerca della verità

Papa: "Amate e imitate le vite dei santi, guidano la vostra crescita"
«Ognuno di noi dovrebbe avere qualche santo che gli sia familiare, per sentirlo vicino con la preghiera e l'intercessione, ma anche per imitarlo». È l'invito rivolto oggi da Benedetto XVI ai fedeli, durante l'udienza generale nel cortile interno del palazzo apostolico di Castel Gandolfo a cui hanno partecipato più di 4mila persone. «Vorrei invitare ognuno a conoscere maggiormente i santi - ha detto il Papa - a cominciare da quello di cui portate il nome, leggendone la vita, gli scritti. Siate certi che diventerà una buona guida per amare ancora di più il Signore e un valido aiuto per la vostra crescita umana e cristiana».

Nel suo discorso poi il Papa ha sottolineato come anche lui sia legato in modo particolare ad alcune figure di santi fra questi San Giuseppe e San Benedetto, di cui porta anche il nome. Poi non ha mancato di citare Sant'Agostino, «che ho avuto il grande dono di conoscere, per così dire, da vicino attraverso lo studio e la preghiera e che è diventato un po’ un compagno di viaggio nella mia vita e nel mio ministero».

Ha ricordato un aspetto importante dell'esperienza umana e cristiana del santo ovvero «la ricerca inquieta e costante della verità». Una caratteristica, ha detto, «attuale anche nella nostra epoca in cui sembra che il relativismo sia paradossalmente la verità» che deve guidare il pensiero, le scelte, i comportamenti – poi aggiunge - Il suo, lo sappiamo non è stato un cammino facile: ha pensato di incontrare la Verità nel prestigio, nella carriera, nel possesso delle cose, nelle voci che gli promettevano felicità immediata; ha commesso errori, ha attraversato tristezze, ha affrontato insuccessi ma, e questo è importante, non si è mai fermato, non si è mai accontentato di ciò che gli dava solamente un barlume di luce; ha saputo guardare nell'intimo di se stesso e si è accorto, come scrive nelle Confessioni, che quella Verità, quel Dio che cercava con le sue forze era più intimo a sè di se stesso, gli era stato sempre accanto, non lo aveva mai abbandonato, era in attesa di poter entrare in modo definitivo nella sua vita».

Sant'Agostino, ha sottolineato il Papa, ha capito nella sua inquieta ricerca che non è lui ad aver trovato la Verità, ma la Verità stessa, che è Dio, lo ha rincorso e lo ha trovato. Poi dice: «E in questo cammino verso la verità, per il santo è fondamentale il silenzio: le creature debbono tacere se deve subentrare il silenzio in cui Dio può parlare. Questo - ha osservato - è vero anche nel nostro tempo: a volte si ha una sorta di timore del silenzio, del raccoglimento, del pensare alle proprie azioni, al senso profondo della propria vita
».

Un pensiero viene rivolto anche  a chi è distante dalla Chiesa o vive come se Dio non esistesse: sottolinea come non si debba aver paura di continuare a cercare la verità perché anche loro potranno incontrare Dio: «Cari fratelli e sorelle vorrei dire a tutti, anche a chi è in un momento di difficoltà nel suo cammino di fede, o anche a chi partecipa poco alla vita della Chiesa o a chi vive “come se Dio non esistesse”, di non avere paura della verità, di non interrompere mai il cammino verso di essa, di non cessare mai di ricercare la verità profonda su se stessi e sulle cose con l'occhio interiore del cuore. Dio non mancherà di donare Luce per far vedere e Calore per far sentire al cuore che ci ama e che desidera essere amato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • puffin

    25 Agosto 2010 - 15:03

    Guarda un pò?? Il giornale della chiesa si schiera contro san silvio da arcore e subito qui si passano articoli con la facilitazione a commenti denigratori per la gioia di san bondi da massa. Fortunatamente Bondi alle passate elezioni da noi ha preso meno voti di nonna gina che con la di lui testa ci avrebbe pulito la latrina! Sono anche poetico

    Report

    Rispondi

  • alexpuzer

    25 Agosto 2010 - 15:03

    mi risulta che ognuno agisce in coscenza mica e una scuola che ti danno i compiti a casa.a me basta comportarmi bene essere generoso con chi ne ha bisogno e onesto con tutti

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    25 Agosto 2010 - 14:02

    http://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/articolo-18064.htm consiglio a tutti questa gustosa ricerca sui peccati dei Papi, nei secoli, ovviamente, ma indicativa circa le fondamenta della Chiesa. Potrebbe, Benedetto, aprire gli archivi della biblioteca segreta del vaticano a tutti gli studiosi e cercare di porre rimedio ai tanti errori del passato . Peroperi

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    25 Agosto 2010 - 14:02

    Santità, io conosco direttamente,per averla provata sulla mia pelle,per oltre 53 anni che cosa è la sofferenza,quella vera e so anche che molte volte chiesi a Dio di porre fine a tale tormento in quanto le mie forze psichiche e fisiche incominciavano a venir meno. Ho pregato Dio e dei Santi che si comportavano da uomini di pregare per me. Non ho mai chiesto a Dio di voler andare in Paradiso anzi,se ciò veramente esiste, ho chiesto al Signore di volermene dispensare ,prima perchè non ci credo e secondo perchè,pur avendo molto sofferto,non vorrei mai entrare in un luogo santo, perchè non lo merito. Infine, Santità, dimentichi per un attimo di essere stato investito di s' alto incarico di Pontefice e ritorni ad essere uomo: ma Lei, perchè non scende da quello scanno e come faceva Gesù si mischi tra di noi come uomo semplice e cerchi di capire come peccatore gli altri peccatori e la finisca di incensarsi pensando di essere già fuori da questa benedetta terra. Pensi alla D.Commedia.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog