Cerca

Giostra negata, in un parco divertimenti, a una bimba down

Il padre dice: "Mia figlia è stata discriminata". Il parco avrebbe dovuto fornire una brochure con giochi "vietati"

Giostra negata, in un parco divertimenti, a una bimba down
Accesso negato per una bimba di 8 anni a una giostra in uno dei parchi divertimenti d’Italia, Gardaland. La gita per la famiglia di Aldo Aceto, sostituto procuratore a Pescara dal 1990 al 2008 e oggi giudice penale e del lavoro al tribunale di Larino, si è trasformata in un dispiacere per via del divieto alla bimba. La notizia è stata pubblicata dal “Centro” di Pescara.

«La bambina non può salire su questa giostra», avrebbero detto gli addetti all’ingresso dell’attrazione, spiegando il divieto con la disabilità della bambina, che però poche ore prima aveva fatto la stessa giostra senza problemi. «A mia figlia è stato impedito di salire perché down», ha commentato Aceto, che è anche presidente di un’associazione, Pianeta Down, a tutela delle persone affette dalla stessa sindrome della bimba. Poi il padre della piccola ha aggiunto: «Mia figlia è stata discriminata perché la sua patologia invalidante è visibile rispetto ad altre e questo è vergognoso».

La responsabile del parco divertimenti, con cui Aceto ha chiesto di parlare dopo l’accaduto, ha riferito che la prassi prevede che gli accompagnatori di disabili debbano ricevere all’ingresso una brochure di colore verde che elencherebbe, nel percorso del parco, le strutture accessibili o non. Ma sul “Centro” si legge: «Nessuno ci ha detto nulla, il ticket è stato pagato regolarmente e il personale, essendo la struttura privata, dovrebbe limitarsi a dare indicazioni all’utenza, ma non può impedire a nessuno di salire o meno su una giostra – poi Aceto ha concluso - Su questa vicenda andrò a fondo anche in sede civile in modo da indurre a eliminare il pregiudizio, fonte di odiose discriminazioni. E questo a beneficio di tutti, non solo di mia figlia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Joe1957

    27 Agosto 2010 - 16:04

    Anche a me la reazione del "ex-sostituo procuratore e oggi giudice penale e del lavoro" mi è sembrata eccessiva... vuoi vedere perchè è Presidente dell'Associazione Piante Down ? Non è che c'è un pò troppa manipolazione in questa notizia ? A dubitare si può far male, ma raramente ci si sbaglia :)

    Report

    Rispondi

  • anto73

    27 Agosto 2010 - 15:03

    Adesso io non dubito che il padre di questa bimba sia rimasto deluso, infastidito, e chi ne ha più ne metta, ma vediamola al contrario. Qua non si deve demonizzare un regolamento interno che in una struttura privata, credo abbia luogo d'esistere, ma bensì chi si é dimenticato di dare la brochure con le giostre più adatte ai portatori di qualunque handicap, e la persona che precedentemente l'ha fatta salire, senza porsi il benchè minimo problema. Mettiamo che per qualche ragione si fosse fatta male, in questo caso cos'avrebbe fatto il padre in questione, dopo aver saputo che lì sua figlia non avrebbe potuto salire? Non so perchè, ma ho l'idea che sarebbe partita sia una denuncia, che una sicura causa civile per danni, ed in questo caso, la malattia della figlia, avrebbe giocato a suo pro, come pure il mancato rilascio della brochure. Cerchiamo una volta per tutte, (a costo di sembrare piuttosto cinica), di non vedere il marcio d'appertutto, anche dove, come in questo caso, non c'é.

    Report

    Rispondi

blog