Cerca

La Moratti tira il fiato. Archiviata l'inchiesta sulle consulenze d'oro

Il Gip chiude l'inchiesta sugli episodi di mobbing a Palazzo Marino. "Episodi censurabili ma non penalmente rilevanti"

La Moratti tira il fiato. Archiviata l'inchiesta sulle consulenze d'oro
Se quella che è ormai diventata la grana Expo e pure le prossime elezioni di Milano toglieranno ancora il sonno a Letizia Moratti, il sindaco della città meneghina ha da oggi un grattacapo in meno.
Il Gip milanese, Maria Grazia Domanico, ha archiviato l'inchiesta sulle presunte "consulenze d'oro" a Palazzo Marino, nella quale erano indagati Letizia Moratti e quattro ex dirigenti dell'amministrazione comunale.

Il fatto – Come spesso accade nelle amministrazione pubbliche, al centro dell'inchiesta erano finite le numerose (e remunerative) consulenze assegnate, oltre ai presunti episodi di mobbing relativi al pensionamento di alcuni dirigenti.

Assoluzione – Secondo la tesi del gip milanese, "si deve ritenere che le modalità di rimozione dei dirigenti, per quanto censurabili sotto diversi profili, non abbiano travalicato il limite dell’illecito penale". Insomma comportamento non certo idilliaco, ma che non va contro la legge italiana.
Più o meno la stessa posizione assunta a luglio del 2009 dal pm Alfredo Robeldo, il quale a sua volta aveva chiesto l’assoluzione per i cinque indagati.
Insieme alla posizione del primo cittadino, indagata per abuso d'ufficio, sono state archiviate le posizioni dell'allora direttore generale del Comune, Giampiero Borghini, della sua vice, Rita Amabile, dell'ex direttore centrale delle risorse umane, Federico Bordogna e dell'allora capo di gabinetto, Alberto Bonetti Baroggi.

L’assoluzione penale, però, conferma al contempo quella che era stata la condanna amministrativa della Corte dei conti che aveva condannato Letizia Moratti e gli altri imputati a risarcire l’erario per circa 200 mila euro perché, con i loro comportamenti non trasparenti, avrebbero provocato un danno alle casse statali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giorgino-2

    28 Agosto 2010 - 11:11

    E' così finita come doveva una vicenda paradossale. Dovunque, nel privato come nel pubblico, un dirigente deve essere in sintonia con l'azienda per la quale lavora, pena l'allontanamento. Ciò non ha nulla di rilevante penalmente. Purtroppo, c'è chi per ottenerlo usa mezzi un po' spicci e costosi e ciò comporta magari nel pubblico, qualche addebito amministrativo con risarcimento del costo eccessivo. Giusto. Ma che c'entra col penale? Perché iniziare un procedimento dall'esito già chiaro a chiunque? Non ci si lamenti poi se si ritiene la Giustizia pilotata da scopi politici.

    Report

    Rispondi

  • Onesto56

    28 Agosto 2010 - 10:10

    Qualcuno sa' dirmi QUANTE VOLTE ,IN UN ANNO, questa razza rara di specie di Sindaco,partecipa al cosiglio comunale? Rispondere solo, per cortesia,se si e' informati. Grazie!

    Report

    Rispondi

  • peroperi

    28 Agosto 2010 - 02:02

    Certamente! Sappi che molti giudici danno le loro consulenze private in qualita' di probiviri pagati dalle industrie che per accelerare i tempi di certe cause si affidano alla loro esperienza senza entrare in giudizio civile. Ecco perche'. Ma per i giudici sinistra o destra quando c'è di mezzo il guadagno (il loro) non esiste reato. Tutto regolare. GFP

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    27 Agosto 2010 - 23:11

    ringraziano: l'Expo é un'esposizione di soldi gettati via. Troppi avevano rifiutato di organizzare l'expo. Perché non ci si é chiesti perché? Credevo la Moratti fosse al pari del suo lignaggio. Per il potere, l'ambiziosa, si deve inchinare alla Lega e a tanta gente da quattro soldi. La crisi, poi, l'obblighera' a tagli. Ne verrà fuori una grossa perdita (che sara' mascherata) e un'esposizioncina. B. rise sulla bellezza fisica della Bindi; forse aveva davanti la Moratti. Ma che ognuno abbia il volto che gli/le ha dato madre natura. Ditelo al Cavaliere, quando riesce a sentire sotto il cerone. Si racconta poi che ci fu un errore nei lifting percio' il. Cav. toccandosi le orecchie dice che se ne sbatte le... Non avrei scritto così se non avessi le scatole piene di uno che parla troppo e a vanvera.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog