Cerca

Anche l'Italia si schiera con Sakineh

Tante le iniziative annunciate per oggi in favore della donna iraniana

Anche l'Italia si schiera con Sakineh
Dopo l’intervento di Carla Bruni a favore di Sakineh, la 43enne iraniana condannata alla lapidazione per presunto adulterio, anche l’Italia scende in campo. I Verdi hanno organizzato una manifestazione che oggi, dalle 16,30 in poi, sfilerà davanti all’ambasciata iraniana a Roma, in via Nomentana 363, per chiedere la liberazione della donna. "Anche l'Italia, come hanno già fatto diversi Paesi europei fra cui la Francia - spiega Angelo Bonelli, presidente nazionale dei Verdi - deve far sentire forte la sua voce contro la violazione sistematica dei diritti umani perchè quello che accade in Iran è una vergogna internazionale".

L’esposizione di una gigantografia della donna sulla facciata di Palazzo Chigi è, invece, l’iniziativa del governo, annunciata dai ministri delle Pari opportunità, Mara Carfagna, e degli Esteri, Franco Frattini. "Fino a quando Sakineh non sarà salva e libera, il suo volto ci guarderà dal palazzo del governo italiano" hanno dichiarato i due ministri. Come richiesto da Alessandro Onorato, capogruppo Udc nel consiglio comunale della capitale, dalle 12, anche in Piazza del Campidoglio sarà affissa un’immagine dell’iraniana con l’appello "Sakineh libera". Alla cerimonia sarà presente il sindaco Alemanno.

L’impegno italiano a favore di Sakineh si fa sentire in varie parti della Penisola. A Firenze, il presidente della Provincia, Andrea Barducci, ha fatto esporre una foto della donna sulla facciata di Palazzo Medici. Oggi a Torino, durante la festa nazionale dei Democratici sarà osservato un minuto di silenzio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Al-dente

    03 Settembre 2010 - 11:11

    Liliano, la lapidazione avviene anche per gli uomini ma con diversa modalità rispetto alle donne. La donna viene interrata fino alle spalle, quindi gli è impossibile uscire fuori dalla buca in cui si trova. Nella lapidazione per gli uomini questi vengono interrati solo fino all’altezza delle anche, di conseguenza non solo possono evitare in parte ciò che gli viene tirato addosso ma hanno la possibilità di uscire fuori dalla buca se si sbrigano. Chi riesce ad uscire fuori dalla buca è graziato, non potrà più subire la lapidazione.

    Report

    Rispondi

  • lone-wolf

    03 Settembre 2010 - 07:07

    Noto, tra le anime candide che piangono lacrime di coccodrillo adesso, quelle che hanno lapidato, moralmente e percio' ancora piu' atrocemente, brutalmente e selvaggiamente, Oriana Fallaci. Piu' che issare gigantografie di condannate e condannati, che sarebbero troppe, esporrei quelle della grande scrittrice, a memoria...

    Report

    Rispondi

  • ubik

    02 Settembre 2010 - 19:07

    Sei un grande. Il tuo commento supera qualsiasi religione.

    Report

    Rispondi

  • satana

    02 Settembre 2010 - 19:07

    Lasciatela morire in pace...Dispiace,ma da una cultura/mentalita' medievale ed arretrata,non si puo' pretendere una visione del mondo moderno e avanzato,come l'Ovest.La stessa cosa, è pretendere l'esportazione della Democrazia in Irak,Afganistane mondo islamico in generale.Ognuno a casa propria. Noi in Occidente,Loro in oriente,senza immigrazione da una parte o dall'altra.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog